Provincia di Brescia e 8 Comuni dell’area del lago d’Iseo scatta la zona arancione rafforzata

Per 8 Comuni dell’area del lago d’Iseo sponda bergamasca e per tutta la provincia di Brescia scatta la zona arancione rafforzata: Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso dovranno attenersi aregole diverse dal resto della provincia
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato l’ordinanza «Misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19». Viene istituita una ’fascia arancione rafforzata’ con la totale sospensione della didattica in presenza, nonché la sospensione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia e dei servizi educativi delle scuole dell’infanzia.
Nello specifico – si legge nell’ordinanza – per quanto riguarda «il territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni bergamaschi sono adottate queste misure:
BAR E RISTORANTI
In quest’area è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione. Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue:
– dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;
– La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario. È consentita, senza limiti di orario, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti ivi alloggiati.
NEGOZI
Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.
Oltre alle restrizioni di una normale zona arancione ci sono quelle «rafforzate» emesse da regione Lombardia.
È sospesa la didattica in presenza nelle istituzioni scolastiche primarie e secondarie di primo grado e secondo grado, nelle istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado (IeFP), negli Istituti tecnici superiori (ITS) e nei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) nonché sospensione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia
in tutte le scuole ed istituzioni aventi sede sul territorio della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni:
• le attività di laboratorio sono sospese;
• resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali
È vietato ai residenti nel territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale, seconde case, anche se ubicate in territori diversi dalla Provincia di Brescia e dei predetti Comuni;
È vietato a coloro che non risiedono nel territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni elencati di recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale, seconde case, ubicate in territori della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni;
È fatto obbligo di indossare mascherine chirurgiche o presidi analoghi di protezione delle vie respiratorie sui mezzi di trasporto pubblici

Restano ferme le misure di cui al D.P.C.M. del 14 gennaio 2021, ove non diversamente disciplinate dal presente provvedimento”

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli