Mendicante nigeriano.jpg

Procedura di espulsione per un richiedente asilo molesto

 Un 25enne nigeriano e irregolare in Italia è stato denunciato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e a breve sarà espulso dall’Italia. Nei giorni scorsi diversi cittadini di Seriate si erano rivolti al comando di polizia locale per segnalare la presenza di alcuni mendicanti nella zona del campo santo di piazza Caduti, rivolgevano alle donne anziane in modo molesto per avere da loro spiccioli.

Nella mattinata di giovedì 5 dicembre una pattuglia si è recata in auto al cimitero e i due agenti hanno notato il giovane nigeriano nei pressi di uno degli ingressi. Si sono così avvicinati per identificarlo, ma alla richiesta dei documenti il 25enne nigeriano ha tentato di fuggire in bicicletta. I poliziotti lo hanno rincorso a piedi e quando l’hanno raggiunto uno di loro è stato aggredito dallo straniero, che l’ha strattonato e spinto a terra. Gli agenti sono poi riusciti a caricarlo in auito, ma il nigeriano ha cercato di scendere, spingendo di nuovo il vigile. L’africano si è anche gettato a terra, urlando di essere stato maltrattato dai vigili, nel tentativo di attirare l’attenzione dei passanti. Due uomini che si trovavano nella zona e hanno assistito la scena si sono offerti di aiutare gli agenti e anche di testimoniare a loro favore in caso di necessità. Sprovvisto di documenti, per lui si è resa necessaria l’identificazione foto-dattiloscopica, dalla quale è emerso che era in attesa dell’esito del ricorso dopo la bocciatura della richiesta di asilo politico. Dopo questo episodio, però, verrà avviato l’iter di espulsione dal territorio nazionale, vista anche la recente normativa contenuta nel Decreto sicurezza entrata in vigore nei giorni scorsi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Arte medievale nelle Alpi

La Società Storica e Antropologica di Valle Camonica organizza il X convegno I.S.T.A. (Incontri per lo Studio dei Territori Alpini) dal titolo “Arte medievale nelle

Uccisa a colpi di martello

Ancora violenza ai danni di una donna bresciana uccisa a martellate. Enzo Galesi 59enne tempo fa aveva avuto una relazione con Elena Casanova di 41