orobie

«Presolana – 2.846», in mostra a Bergamo le fotografie dell’Abbraccio da record


«Presolana – 2.846» è il titolo della mostra fotografica che, per la sesta edizione di «Bergamo immagine», la rivista Orobie allestirà da lunedì 23 ottobre a giovedì 2 novembre 2017 sul Sentierone a Bergamo. È dedicata all’Abbraccio del 9 luglio scorso, quando il massiccio della Presolana, sicuramente la più nota tra le cime delle Alpi Orobiche, è entrato nel Guinness World Records per il maggior numero di persone legate in cordata, appunto 2.846.

 

«The most people connected by rope», si legge nel certificato che ufficializza il primato mondiale. Un record nato da un’idea della sezione di Bergamo del Club alpino italiano con il sostegno di Provincia di Bergamo, del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino – VI delegazione orobica – e della Sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Alpini. E’ stata un’occasione per fare una grande festa alla quale hanno preso parte in tantissimi, anche escursionisti e gitanti che sulla Presolana non c’erano mai stati. Omaggio a chi ama salire in alto Sui sentieri della «Regina delle Orobie», oltre ai 380 capicordata e ai 120 volontari del soccorso alpino e sanitario, si sono incamminati genitori con bambini al seguito, anziani, comitive di amici e tanti giovani. In migliaia hanno seguito l’evento collegati via internet da casa. La rivista Orobie era presente con i suoi fotografi e collaboratori lungo i venti chilometri dell’«anello», sentiero dopo sentiero, di cresta in cresta per documentare il grande abbraccio a questa bellissima vetta. Migliaia le immagini realizzate dai fotografi di Orobie tra le quali sono state selezionate quelle utilizzate per questa mostra. «Una iniziativa – spiega il direttore Pino Capellini – che vuole essere un omaggio non soltanto alla Presolana e alle Orobie, ma a tutte le montagne, a tutti gli alpinisti e a tutti quelli che amano salire in alto».

 

La mostra «Presolana – 2.846» potrà essere visitata liberamente lungo il Sentierone, un allestimento che da sei anni porta la fotografia non soltanto nel cuore di Bergamo, ma anche in altre località della Lombardia. E anche «Presolana – 2.846», così come è già successo per le precedenti edizionidi «Bergamo immagine», sarà itinerante. Oltre al Cai, alla Provincia e alla sezione degli alpini di Bergamo, la mostra è stata possibile grazie al sostegno offerto da Uniacque Spa, sponsor principaledi questa iniziativa che ha saputo coinvolgere tantissimi bergamaschi nell’esprimere il loro legame con il proprio territorio e con la montagna in particolare, dimostrando anche grande attenzione al rispetto dell’ambiente. Gli stessi valori che vedono Uniacque Spa protagonista nella comunità bergamasca, da qui la vicinanza della società all’impresa della «Cordata del record» e il sostegno alla mostra «Presolana – 2.846».

 

Una cinquantina le fotografi e esposte, scattate da Alessandro Bassan, Marco Caccia, Emilio Ferri, Marin Forcella, Emanuele Musitelli, Paolo Ortelli, Alex Persico, Davide Ripamonti, Michele Rossetti, Pio Rota, Dimitri Salvi, Massimo Sonzogni e Matteo Zanga. Inaugurazione lunedì 23 ottobre alle 18 All’inaugurazione della mostra di lunedì 23 ottobre alle 18 interverranno il direttore di Orobie, Pino Capellini, il presidente della Provincia di Bergamo, Matteo Rossi, il presidente della sezione di Bergamo del Cai e capocordata dell’Abbraccio alla Presolana, Paolo Valoti, e il presidente di Uniacque Spa, Paolo Franco. La partecipazione è libera a tutti.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare