Pisogne lancia il nuovo Lido Goia

Dalla prossima estate Pisogne vuole avere un suo nuovo lido moderno e a basso impatto ambientale che sostituirà le ormai vecchie e fatiscenti strutture risalenti agli anni Sessanta.

Il progetto prevede  un’area dotata di una nuova piscina, un bar-ristorante, spogliatoi e servizi annessi con una spiaggia più ampia dell’attuale. L’opera che rispetterà tutti i vincoli ambientali e paesaggistici e sarà sempre fruibile e d’estate, l’ingresso sarà a pagamento mentre l’inverno diventerà un parco pubblico con accesso libero. Nei giorni scorsi, Soprintendenza ai beni architettonici, Autorità di Bacino, Provincia di Brescia e Regione Lombardia hanno dato il via libera al progetto e si attende ora l’approvazione in Giunta entro fine ottobre, con apertura del bando per l’assegnazione dei lavori entro novembre e cantieri presumibilmente aperti per gennaio con l’obiettivo di aprire il nuovo lido entro la prossima estate. Il costo complessivo dell’opera è di circa 620mila euro a carico di chi si aggiudicherà il bando di gestione e dovrà effettuare i lavori a proprie spese e, in cambio, potrà gestire il lido per 20 anni. Ai Pisognesi verrà anche garantito l’accesso alla piscina ad un prezzo di favore. Tra due settimane, le ruspe demoliranno la vecchia piscina, gli spogliatoi e il chiosco bar sui quali vi è pure una denuncia di abusivismo edilizio e ambientale. Il nuovo lido avrà tre accessi con un bar-ristorante con una trentina di posti a sedere a vetrate chiuse e almeno 70 posti nel periodo estivo. Gli spogliatoi verranno spostati verso il campeggio e la piscina sarà di 25 m, per 4 e 50 e posta in modo perpendicolare al lago. Una passerella collegherà i vari punti dell’area verde.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare