Piancogno: i volontari ristrutturano la “Madonnina Nera”

Sono terminati i lavori di ristrutturazione della Madonnina Nera, l’altare situato lungo uno degli itinerari a cui la comunità di Piancogno è più affezionata. Un intervento interamente progettato e finanziato dagli Amici di Piancogno con l’appoggio del gruppo MAV (Montagna, Avventura, Vita). “L’idea è nata qualche anno fa con l’intenzione di sistemare e illuminare le due Santelle che guardano il paese, che sarebbero la Madonnina di Ardesio, dove siamo intervenuti a gennaio, e questa, che era ridotta piuttosto male con un pannello in legno provvisorio posizionato lì da vent’anni”, raccontano gli Amici di Piancogno. Oltre al consolidamento della Cappella, è stato posato un nuovo impianto di illuminazione per ridare il giusto decoro alla Madonnina che accompagna i viandanti lungo la via. A completare l’opera ci ha pensato l’artista Marilena Ghiroldi, che ha realizzato il mosaico in stile ravennate, usando pietre naturali. “Porfido, marmo e granito incollato su rete con colle e resine – specifica l’artista -. Sono partita da un disegno libero prendendo spunto da una modella e via via ho scelto i colori del granulato: bianco di Carrara, giallo Mori, giallo Siena, rosso Verona, rosa Corallo, marrone e verde Alpi”. Le lesene sono anche quelle eseguite a mosaico con disegni floreali. “Non conosciamo la storia di questa Madonnina, non si sa neppure da quanti anni ci sia, ma stiamo facendo delle ricerche – aggiungono gli Amici -. Perché la Comunità ci è molto legata e in questo modo andremo a valorizzare una nostra tradizione”. Quando la cittadinanza si prende cura del proprio paese è sempre speciale, ancor di più quando il tutto avviene in maniera totalmente spontanea.

Francesco Moretti

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli