Panace di Mantegazza: cos’è, dove si trova e come proteggersi

Continuano le operazioni di bonifica del Panace di Mantegazza (Heracleum mantegazzianum) anche a Vezza d’Oglio e a Sonico, in alta Valle Camonica. Entrare in contatto con questa erba gigantesca quando si è esposti alla luce solare può essere davvero pericoloso perché provoca delle gravi infiammazioni cutanee con cicatrici e vesciche. Se ne stanno occupando i volontari del gruppo GEV della Comunità montana di Valle Camonica, con il botanico Innocenzo Bona e i Comuni, molto sensibili verso questa minaccia.

In pratica il Panace di Mantegazza impedisce alla pelle di proteggersi dai raggi solari, e le conseguenze sono delle dolorose scottature che possono lasciare evidenti cicatrici. Se la sua linfa entra in contatto con gli occhi, può causare cecità momentanea o permanente.

Si può trovare lungo sentieri e argini, parchi, cimiteri e terreni incolti. Come riconoscerla:
  1. Il colore delle foglie: sono verde chiaro brillante e tendente al giallo con le profonde lobature e segmentazioni;
  2. L’aspetto del tronco: spesso e robusto, simile a quello del carciofo, con striature rosso scuro e contornato da peli irti;
  3. L’aspetto ovoidale dei frutti e del loro involucro, nel momento della fioritura rimane attaccato alla base dell’ombrella e tende ad appassirsi;
  4. Il diametro e l’imponenza dell’ombrella che è la più grande tra le ombrellifere.

(foto di Botanica Rhaetica – Innocenzo Bona)

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in