Orme degli antenati dei dinosauri nel Comune di Zone

Il Comune di Zone, già noto agli studiosi di geologia per le “piramidi di terra”, ovvero forme di erosione risalenti alla fine dell’ultima glaciazione, può vantare un altro importante primato. Infatti, a meno di 2 km dalle piramidi, su una parete rocciosa risalente al Triassico superiore (220 milioni di anni fa), sono conservate le orme di grandi arcosauri, antenati dei coccodrilli e dei dinosauri. Si contano in totale circa 70 orme, quasi tutte allineate a formare almeno cinque sequenze di passi.

Una scoperta importantissima, in quanto si tratta delle prime orme di rettili risalenti all’inizio dell’era dei dinosauri trovate in Lombardia. Inoltre, si trovano in un ottimo stato di conservazione e sono di notevoli dimensioni. Un valore aggiunto deriva dal ruolo che avranno nella ricostruzione degli antichi ambienti dell’Italia settentrionale, perché permettono di mettere in relazione rocce e fossili in varie parti del mondo, consentendo di comprendere meglio i primi passi dell’evoluzione di questi rettili che diventeranno poi dinosauri.

Bisogna considerare che 220 milioni di anni fa questi strati di roccia facevano parte di una vasta pianura fangosa, solcata da fiumi che sfociavano in un basso mare tropicale. Quando le Alpi cominciarono a corrugarsi, circa 15 milioni di anni fa, gli antichi depositi ormai fossilizzati furono sollevati e disposti in verticale così come li vediamo oggi. Le sequenze di impronte meglio conservate sono quelle impresse nello strato di parete più giovane, che affiora nella porzione destra. Entrambe le piste di passi più grandi si interrompono sulla sinistra, in corrispondenza di una rottura nella parete.

Condividi:

Ultimi Articoli

A Leffe si celebra il Triduo

A Leffe si celebra il Triduo

Arte e fede si fondono in Val Gandino nella tradizione delle Raggiere, che per oltre un mese (a cadenza settimanale nelle varie parrocchie) vengono montate