Ore di apprensione per Fabrizio Garatti

Ore di apprensione e di febbrili ricerche di Fabrizio Garatti, il 44enne residente a Gratacasolo di Pisogne, scomparso dalla sera di giovedì 26 maggio.

L’artigiano aveva un appuntamento con un collega di lavoro, a Costa Volpino, alle 17.30 dove si è recato a bordo della sua piccola jeep fuoristrada, lasciando a casa l’Audi. Da allora nessuno lo ha più visto né Fabrizio ha dato segni della sua presenza alla famiglia. Venerdì 27 non si è presentato nella ditta dove avrebbe dovuto effettuare un sopralluogo. I Carabinieri di Pisogne sono stati allertati dalla compagna del 44enne attorno alla mezzanotte dello stesso giorno. Da quel momento sono scattate le ricerche partendo da dove i carabinieri di Costa Volpino hanno trovato il fuoristrada di Garatti parcheggiato nel luogo dell’appuntamento, di fronte ad una farmacia nel centro con all’interno il suo cellulare, il portafogli ed alcuni effetti personali. L’ultimo volta che l’uomo è stato visto indossava una maglietta a maniche corte rosa e dei pantaloni sportivi beige. Lunedì pomeriggio sono iniziate le battute di ricerca dell’uomo su larga scala con i Vigili del fuoco di Lovere, il nucleo SAF di Bergamo, i volontari di Protezione Civile di Costa Volpino con l’ausilio di alcuni colleghi di Rogno, la squadra cinofili volontari di Protezione Civile della Lombardia. Accanto alla Caserma dell’Arma di Costa Volpino è stato posto il campo base della Protezione Civile dove in queste ore stanno affluendo volontari dei gruppi della zona. Fabrizio Garatti convive con la sua compagna e assieme hanno avuto un figlio che ora ha 5 anni. Le ricerche di questo lunedì si sono concentrate lungo le sponde del fiume Oglio in territorio di Costa Volpino fino alla foce nel lago e sono riprese questo martedì scandagliando anche la sponda bresciana del Sebino.. G

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di