Oltre l’emergenza, la Val Gandino a cinque cerchi

Un progetto territoriale di alto profilo che ha indubbiato segnato l’inizio del nuovo millennio, destinato a diventare ancor più strategico e cruciale nel periodo post pandemia. I Comuni di Gandino, Leffe, Casnigo, Peia e Cazzano S.Andrea hanno varato negli ultimi giorni le linee guida del piano d’azione a medio e lungo termine del Distretto del Commercio de “Le Cinque terre della Val Gandino”. Un percorso condiviso per il sostegno alle attività commerciali nel periodo successivo all’emergenza, in vista del Bando Regionale dei Distretti del Commercio in uscita a giugno. Regione Lombardia prevede finanziamenti per opere strutturali dei singoli esercizi (rinnovo locali e attrezzature, dehors, ecc.) ma anche spese correnti (es.materiali di protezione e prevenzione Covid) e, soprattutto, fondi destinati alla promozione territoriale, su cui la Val Gandino si è particolarmente distinta.
“La sinergia fra Comuni e fra pubblico e privato – sottolinea Filippo Servalli, vicesindaco di Gandino che è Comune capofila del Distretto – è un elemento fondante del progetto avviato tredici anni fa. Nel tempo abbiamo raccolto grandi soddisfazioni, dando all’intera Valle un’identità nuova ed inedita, che mostrasse discontinuità rispetto ai temi forti della manifattura e dell’industria, senza per questo venir meno alla propria radicata identità. Ecco allora che ad una capacità attrattiva di indubbio interesse a livello paesaggistico, culturale e ricreativo, si sono aggiunti progetti forti (cito ad esempio il Mais Spinato, la Traversata tra i Pizzi, la Lana Bergamasca, il Lino Val Gandino) che hanno trovato linfa vitale in orizzonti di prospettiva, come ad esempio Expo 2015”.
Proprio l’idea di andare al di là dell’urgenza e della contingenza della fase post pandemia, ha visto uniti sindaci della Valle, associazioni di categoria, commercianti ed esercenti e delegati territoriali nel varare un nuovo progetto di rilancio ad ampio respiro.  “Il primo passo – spiega Servalli – consiste nel raccogliere proposte concrete, richieste e aspettative. Per questo, insieme ad Ascom e Confesercenti, abbiamo lanciato un questionario riservato a tutti gli operatori, distribuito capillarmente e disponibile in rete sul sito www.lecinqueterredellavalgandino.it. Abbiamo già raccolto decine di riscontri e siamo fiduciosi di strutturare al meglio il progetto da formalizzare a Regione Lombardia nell’ambito del Bando di prossima uscita”.
Il Distretto “Le Cinque terre della Val Gandino” unisce i comuni di Gandino (capofila), Leffe, Casnigo, Peia e Cazzano S.Andrea per un totale di circa 16.700 abitanti.  Attualmente il Distretto è guidato da un coordinatore (Giambattista Gherardi) nominato dal Comune di Gandino e da un Comitato d’Indirizzo di cui fanno parte per ciascun Comune, un esponente dell’Amministrazione ed uno o più commercianti. La gestione amministrativa è affidata a Promoserio, fondata nel 2010 proprio a Gandino. A livello finanziario i cinque Comuni hanno sottoscritto una convenzione che mette a disposizione del Distretto annualmente una quota pro capite di 1,20 euro per abitante”.
“Grazie a questo impegno – spiega Gherardi – lavoriamo quotidianamente con convinzione per creare infrastrutture di promozione adeguate e diffuse: il sito internet (disponibile addirittura in otto lingue), la app Visit Val Gandino (con schede interattive per ciascun operatore e per i punti di interesse culturali) le pagine social, i video e le brochure promozionali, la presenza su media locali, nazionali ed internazionali”. Nel breve periodo si punta a strutturare ulteriormente l’Info Point di Gandino (oggi curato dalla sinergia fra Comune, Pro Loco e Commercianti), ma soprattutto a dare supporti di formazione ai commercianti in una fase tanto delicata. Resta, ed è forse l’elemento più importante, la necessità di identificare una prospettiva ambiziosa che dia profondità agli orizzonti di sviluppo. “Abbiamo identificato il tema “Cinque terre, cinque cerchi” – rivela Gherardi – utile a legare anche i nostri territori al grande evento planetario dell’Olimpiade di Milano Cortina 2026. Geograficamente siamo nel luogo ideale, a metà strada fra le due località principale, a pochi chilometri dall’aeroporto di Orio, da Clusone, Selvino, Lago d’iseo e piste da sci. Senza dimenticare il traguardo intermedio che vede Bergamo e Brescia candidate insieme a “Capitale Italiana della Cultura 2023”. Raccogliere queste sfide è nel nostro DNA ed affrontarle con entusiasmo è l’impegno concreto che da subito vogliamo affrontare”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli