Morte in culla.jpg

Offlaga scossa dalla morte del piccolo Mohamed

A Offlaga Mohamed, un bambino di soli due mesi, si è addormentato nella sua culla e non si è più risvegliato: né la sua mamma, né i soccorritori hanno potuto fare qualcosa per riportarlo in vita.

Mamma, papà e figlio più grande vivono ad Offlaga, in via Marconi, da due anni. Parlano bene l’italiano, sono molto integrati nella comunità locale: il capofamiglia, Mamadou Mboup detto «Dudu», fa l’operaio in un’azienda di Bagnolo Mella, dove abitavano prima di trasferirsi ad Offlaga e gioca a calcio nella Nuova San Paolo, squadra che milita nella Seconda Categoria. Un paio di mesi fa, per la gioia di tutti, è arrivato il piccolo Mohamed. All’improvviso la tragedia: il piccolo dormiva nella sua culla quando la mamma è andata a controllarlo e ha notato che era pallido. Non respirava. Subito la giovane ha chiamato i soccorsi e l’eliambulanza l’ha trasportato al Civile. In quegli interminabili minuti la mamma ha atteso notizie da casa insieme al figlio più grande. Telefonava, pregava, piangeva. Poi è arrivata la terribile conferma. Appresa la notizia, il sindaco Giancarlo Mazza immdiatamente è andato a casa dei genitori portare conforto. Il corpicino del piccolo Mohamed verrà sottoposto ad autopsia. Sembra sia un caso di morte in culla.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lunghe code sulla Statale 42

Problemi al traffico anche questa mattina nel tratto tra Luzzana e Borgo di Terzo dove si sono registrate lunghe code. Il traffico molto sostenuto è