Morte in culla.jpg

Offlaga scossa dalla morte del piccolo Mohamed

A Offlaga Mohamed, un bambino di soli due mesi, si è addormentato nella sua culla e non si è più risvegliato: né la sua mamma, né i soccorritori hanno potuto fare qualcosa per riportarlo in vita.

Mamma, papà e figlio più grande vivono ad Offlaga, in via Marconi, da due anni. Parlano bene l’italiano, sono molto integrati nella comunità locale: il capofamiglia, Mamadou Mboup detto «Dudu», fa l’operaio in un’azienda di Bagnolo Mella, dove abitavano prima di trasferirsi ad Offlaga e gioca a calcio nella Nuova San Paolo, squadra che milita nella Seconda Categoria. Un paio di mesi fa, per la gioia di tutti, è arrivato il piccolo Mohamed. All’improvviso la tragedia: il piccolo dormiva nella sua culla quando la mamma è andata a controllarlo e ha notato che era pallido. Non respirava. Subito la giovane ha chiamato i soccorsi e l’eliambulanza l’ha trasportato al Civile. In quegli interminabili minuti la mamma ha atteso notizie da casa insieme al figlio più grande. Telefonava, pregava, piangeva. Poi è arrivata la terribile conferma. Appresa la notizia, il sindaco Giancarlo Mazza immdiatamente è andato a casa dei genitori portare conforto. Il corpicino del piccolo Mohamed verrà sottoposto ad autopsia. Sembra sia un caso di morte in culla.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare