Piattaforma ecologica Cividate Camuno

Nuova piattaforma ecologica per Cividate e Malegno

La nuova piattaforma ecologica, disposta per i Comuni di Cividate Camuno e Malegno, sarà inaugurata nella mattinata di oggi, primo marzo. 

All’evento, che avrà luogo verso le 9.30, saranno presenti i sindaci dei due comuni, Cirillo Ballardini (Cividate Camuno) e Paolo Erba (Malegno), oltre che a Valle Camonica Servizi e agli studenti delle scuole medie dei due paesi.

La scelta, trasversale ai due comuni, ha portato ad un progetto di modernizzazione e ampliamento della già presente piattaforma ecologica di Cividate Camuno. Una collaborazione che punta ad offrire servizi migliori ai cittadini, grazie al confronto tra la realtà di Cividate e quella di Malegno. Ampliata anche la fascia oraria di apertura della piattaforma. I cittadini potranno accedere alla struttura presentando solamente il codice fiscale o la tessera CRS. Sarà possibile depositare la maggior parte dei rifiuti prodotti, tra metalli, vetro, plastica, verde, olii, organico e altri rifiuti indicati nel regolamento. La piattaforma sorge a fianco del campo sportivo di Cividate Camuno.

In concomitanza anche l’inaugurazione del primo centro per il riuso della Valcamonica, uno spazio in cui gli utenti possono portare i beni di consumo in buono stato e dove chi ne ha necessità, potrà ritirare gratuitamente e riutilizzare gli stessi per gli scopi a cui sono destinati. L’opera è finanziata in parte con il contributo della Provincia di Brescia e in parte con gli avanzi di amministrazione dei due comuni.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”