Mungitura a mano, il 16 ottobre gara internazionale di mungitori in Val Camonica

Arriveranno dall’Italia, ma anche da Olanda, India, Marocco e Romania. Il più giovane ha 14 anni: Andrea Carrara di Serina.

Arriveranno dall’Italia, ma anche da Olanda, India, Marocco e Romania. Sono i partecipanti alla terza edizione del campionato del mondo di mungitura a mano di vacche, in programma domenica 16 ottobre, dalle 10, a Malonno (Brescia). Dopo le prime due edizioni organizzate a Lenna, nel Bergamasco, la sfida si sposta in Val Camonica, terra di antiche tradizioni zootecniche, che da venerdì a domenica vivrà il suo appuntamento centrale con la fiera di San Gallo. Proprio di Malonno è il detentore del titolo mondiale, vincitore delle prime due edizioni, il trentatreenne Gianmario Ghirardi, operaio ma anche allevatore, capace di mungere dalla sua bovina di razza Pezzata rossa, ben 8,7 litri di latte, attuale record della manifestazione.

A contendergli l’alloro e il Secchio d’oro, trofeo del Campionato, saranno altri 50 concorrenti. Tra le pretendenti al titolo dieci donne, tra cui ancora Sofia Caratti, 46 anni, di Berzo Demo (Brescia), prima lo scorso anno nella categoria femminile, con 4,5 litri di latte.

Il più giovane dei mungitori avrà 14 anni, Andrea Carrara di Serina (Bergamo), il più anziano sarà l’olandese Jan Roelof Svijkervet, 81 anni, già campione della specialità nei Paesi Bassi. Ambito il premio finale: oltre al Secchio artistico bagnato nell’oro, un buono valore di 3.500 euro, al secondo mungitore andrà invece un buono da 1.500 euro e al terzo da mille euro.

La manifestazione sarà dedicata ai Formaggi Principi delle Orobie, le sette eccellenze casearie orobiche, ovvero Storico ribelle (l’ex Bitto storico), Branzi Ftb, Formai de mut, Agrì di Valtorta, Strachitunt Val Taleggio, Stracchino all’antica e Formaggi di Capra orobica. La sfida sarà a partire dalle 10, con sette batterie previste, rigorosissimi controlli sui tempi di gara, sulle misurazioni delle quantità di latte munto, ma anche sulle condizioni di salute degli animali. “Nell’era della tecnologia e della meccanizzazione – ha scritto in una nota il presidente dell’Associazione San Matteo di Branzi, Francesco Maroni, organizzatore insieme al Comune di Malonno – vogliamo valorizzare un’antica tradizione, che ancora oggi si dimostra senza confini. Una gara che sarà simbolo e omaggio a un modo di fare agricoltura slow, allo stesso tempo sano e sostenibile”.

 


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli