movimento e salute

Movimento e salute

Il concetto di attività fisica è molto ampio; comprende, infatti, tutte le forme di movimento realizzate nei vari ambiti di vita. Secondo l’OMS, per “attività fisica” si intende “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”. In questa definizione rientrano non solo le attività sportive, ma anche semplici movimenti come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici, che fanno parte della “attività motoria spontanea”.
Con il termine di “esercizio fisico” si intende invece l’attività fisica in forma strutturata, pianificata ed eseguita regolarmente. Viene definito”movimento”l’insieme di attività fisica + esercizio fisico.
Lo sport è invece una variante di esercizio fisico, non sempre salutare, che prevede una competizione e quindi un vincitore.
Studi epidemiologici hanno dimostrato che in Italia la sedentarietà è responsabile del 9% delle malattie coronariche, dell’11% dei casi di diabete, 16% dei casi di tumore alla mammella e 16% dei casi di tumore al colon.
Per avere benefici in termine di salute è necessario praticare esercizio fisico aerobico per almeno 30 minuti al giorno, sotto forma di camminata a passo svelto, corsa, nuoto, bicicletta o cyclette.
L’esercizio fisico deve sempre essere necessariamente associato a qualsiasi regime alimentare che preveda un calo di peso corporeo.
E’ in grado di prevenire e migliorare l’osteoporosi e l’artrosi, in particolare nell’artrosi del ginocchio l’esercizio fisico più utile è la bicicletta o la cyclette perché si basa su un movimento rotatorio lineare senza possibilità di distorsioni e in assenza di carico sull’articolazione.
Il nuoto è l’esercizio fisico ideale per chi soffre di mal di schiena. Il movimento in acqua è consigliato perché il peso del corpo è ridotto, quindi non si va a sovraccaricare la colonna vertebrale ed eventuali dischi sofferenti. Non tutti gli stili di nuoto sono però consigliati, meglio nuotare a dorso o stile libero evitando invece lo stile a rana perché nell’atto di sollevare la testa dall’acqua per respirare la schiena si inarca troppo (iperlordosi lombare).
Se è vero che l’esercizio fisico è utile per tutti è altrettanto vero che è ancor più utile, se non necessario per il paziente diabetico, nel quale può essere considerato,insieme ad una corretta alimentazione, come il farmaco più importante.
Se praticato con costanza permette di ridurre il dosaggio dei farmaci anti diabetici o addirittura di sospenderli. Il movimento è anche il fattore più importante in grado di aumentare la concentrazione nel sangue del colesterolo HDL (colesterolo buono), che può essere considerato come lo spazzino delle nostre arterie, contrastando la deposizione nelle loro pareti del colesterolo LDL (colesterolo cattivo).
Quando facciamo esercizio fisico, il nostro corpo libera sostanze chimiche dette endorfine. Le endorfine interagiscono con i nostri recettori cerebrali, riducendo le percezioni dolorose. Inoltre sono in grado di ridurre lo stress, tenere a freno l’ansia, le spinte depressive e di migliorare la qualità del sonno. Sono sostanze che determinano anche un grado di dipendenza. Si tratta di una dipendenza molto positiva perché ci fa percepire il bisogno psico fisico di praticare l’esercizio fisico in modo costante.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli