Cerca
Close this search box.

L’Ente Bergamaschi nel Mondo nel Museo nazionale dell’emigrazione italiana

Anche ll’Ente Bergamaschi nel Mondo (EBM) farà parte attiva nel futuro Museo Nazionale dell’emigrazione italiana (MEI), che aprirà i battenti, entro marzo 2022 Un museo che vuole essere luogo di memoria, inclusione e democrazia: uno spazio espositivo che nasce dalla volontà di restituire al grande pubblico la narrazione di un patrimonio vastissimo e diversificato come quello legato alla storia dell’emigrazione italiana, un patrimonio fisicamente diffuso in numerose località, italiane ed estere, custodito da enti, istituzioni statali e locali, archivi, musei, centri di studio e ricerca, associazioni di emigranti.

L’ EBM parteciperà offrendo tutto il materiale a disposizione: i Circoli e Delegazioni, le storie di vita dei bergamaschi all’estero i diari, le lettere, le fotografie, i giornali, i canti e le musiche che hanno accompagnato gli emigranti bergamaschi nei cinque Continenti. Tutti questi documenti concorreranno alla creazione di una narrazione “made in Bergamo”, che si affiancherà a quella di altre rappresentanze regionali e provinciali all’estero. Un museo partecipato e solidale, quindi, che verrà creato dall’apporto di tutti i protagonisti, vecchi e nuovi, dell’emigrazione italiana.

Promosso da MIBACT (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo) e MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale), in collaborazione con Regione Liguria e Comune di Genova, il MEI costerà circa 5,3 milioni di euro (di cui 300.000 euro arrivano da Fondazione San Paolo per la progettazione; 3 milioni dal MIBACT,nell’ambito del programma Grandi Progetti Beni Culturali, e 2 milioni di euro dal Patto per Genova, siglato tra Comune e Governo).

Condividi:

Ultimi Articoli

Terremoto questa mattina a Lumezzane

Terremoto a Lumezzane, l’evento sismico si è verificato nella mattinata di oggi (giovedì 18 aprile 2024). Come riferito dall’Ingv Roma (Istituto nazionale di Geofisica e