museo del tessile leffe

Leffe, al Museo del Tessile la novità del Virgolino

Riprende sabato 1 febbraio 2020 a Leffe l’attività del Museo del Tessile “Martinelli Ginetto”, allestito negli ampi annessi in via Locatelli al polo scolastico “Gianni Radici”. Ogni sabato e domenica, dalle 14 alle 19 (ultimo ingresso alle 18) fino al 28 giugno 2020, sarà possibile visitare l’articolato allestimento. “La sede espositiva – spiega Gianfranco Bosio, presidente dell’associazione ARTS onlus che cura il Museo – è ubicata in un ex opificio del 1960. Il visitatore viene accompagnato da guide lungo un percorso che lo porta a vivere le varie fasi della lavorazione delle fibre, la produzione della seta, la cardatura, la preparazione alla tessitura, tutta l’evoluzione dei telai per concludere la visita con i macchinari di finissaggio e abbellimento dei tessuti. Può toccare con mano le varie tipologie di lane e dei tessuti e vedere i macchinari in funzione. Si sente immerso nel ciclo produttivo rendendosi conto del patrimonio di conoscenze tecniche, e della fatica di coloro che lavoravano in questi macchinari”. Per i visitatori è
possibile ammirare il grande torcitoio della seta con la ruota del mulino ad acqua dal diametro di oltre 3 metri, Il reparto carderia, la serie di telai dal medioevo a metà del XX secolo e la trasmissione centralizzata a cinghia di inizio ‘800. Notevoli e particolari le macchine di finitura dei tessuti quali garzatrici, cimatrici, macchine da ricamo e per merletti. L’esposizione propone attività didattiche mirate, grazie alla disponibilità di una sala laboratorio multimediale. Fra le novità degli ultimi anni ci sono il giardino botanico con piante tessili e tintorie, il nuovo reparto di preparazione alla tessitura, dotato di “cantra” e “orditoio” ed un reparto (novità 2020) per la produzione di filati speciali come ciniglia e virgolino (il celebre lamé). “Il virgolino – spiega Bosio – è un filato ricoperto molto utilizzato nell’arredamento. Solitamente è composto da un’anima di filo economico ma robusto che viene ricoperto con un filato molto lucido e prezioso.
Il più noto è il lamè; filato di seta o poliammide ricoperto da una lamina di oro oppure argento. La macchina che presentiamo in Museo risale alla metà del 1900 e può ritorcere i filati per l’anima e successivamente ricoprirli con il filo lucido”. Per le prenotazioni infrasettimanali, inviare una mail a info@museodeltessile.it oppure lasciare un messaggio al numero tel. 035/733981.
Info complete su www.museodeltessile.it

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

San Fermo Trail si disputa in agosto

San Fermo Trail, dopo un anno sabbatico causa Covid,ritorna domenica 22 agosto sull’Altopiano del Sole con due importanti novità per la vigilia della gara: una

Nuovo logo per promuovere Parre

L’Agenzia Lino Olmo Studio di Onore si è aggiudicata il concorso per la creazione del logo turistico di Parre, lanciato dal Comune della Val Seriana

Incidente, con un ferito, a Pisogne

Un incidente stradale si è verificato nel primo pomeriggio di oggi, sabato 15 maggio,  in territorio di Pisogne Alle ore 14:10, in via Milano un’auto