L’autopsia conferma: è di Laura Ziliani il corpo trovato a Temù

E’ di Laura Ziliani, l’ex vigilessa di 55 anni scomparsa lo scorso 8 maggio, il corpo ritrovato domenica a Temù. È quanto emerso dall’autopsia: dall’esame non risultano segni di violenza sul corpo. Adesso si analizzeranno gli organi interni per valutare l’ipotesi di avvelenamento.

Laura aveva ancora addosso gli orecchini riconosciuti dai parenti. Confermata l’ipotesi degli inquirenti che avevano notificato ai tre indagati, due delle tre figlie della donna e il fidanzato di una di loro, accusati di omicidio volontario e occultamento di cadavere, la citazione per partecipare all’esame del DNA e all’autopsia.

L’esame tossicologico consentirà di determinare quale direzione prenderanno le indagini della Procura di Brescia. Aperte tutte le ipotesi, anche che la morte dell’ex vigilessa possa essere stata causata da un incidente durante l’escursione o da una terza persona non identificata. L’esito del test potrebbe essere pronto tra pochi giorni.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli