La tinca di Clusane è PAT

La tinca di Clusane si aggiudica il riconoscimento regionale di “Prodotto Agroalimentare Territoriale”. Il primo di tale categoria nell’area del Sebino.

 

I prodotti agroalimentari italiani sono prodotti inclusi in un apposita elencazione, istituita dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft) con la collaborazione delle Regioni. L’aggiornamento e la pubblicazione annuale dell’elenco sono a cura del Ministero che ha anche il compito di promuoverne la conoscenza a livello nazionale e oltre i nostri confini. Nel 2019 in Italia sono presenti 5.128 prodotti PAT, e la regione che detiene il maggior numero di PAT è la Campania, con 531 specialità registrate. I prodotti agroalimentari lombardi sono un anello importantissimo del sistema agroalimentare italiano, grazie a un patrimonio costituito da 250 eccellenze agroalimentari tradizionali.

Tinca al forno. Come prepararla? Prendete una tinca appena pescata e lasciatela riposare due ore prima di lavorarla. Successivamente, incidete il pesce dalla testa alla coda per lungo, levando la lisca e sciacquando abbondantemente il tutto per almeno un paio di minuti. Nel frattempo, preparate il ripieno unendo pane grattato, olio, burro, formaggio Grana e un mix di spezie (cannella, sale, pepe, noce moscata e chiodi di garofano) e aromi (prezzemolo, alloro e aglio in quantità modesta). Quindi riempite il pesce con parte del ripieno e adagiatelo in una teglia di terracotta bagnata con olio insieme alle foglie d’alloro e ricopritelo con il ripieno rimasto. Aggiungete il burro e infornate il tutto per un paio d’ore a 160 gradi. Infine servitelo con una bella fetta di polenta.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in