Sana

La Procura di Brescia indaga sulla morte di Sana Cheema

Il Procuratore generale di Brescia Pier Luigi Maria Dell’Osso ha avocato a sè l’inchiesta sulla morte di Sana Cheema, la ragazza italiana di origini pachistane morta in patria nell’aprile 2018, dopo aver rifiutato il matrimonio combinato.

Il padre, il fratello, uno zio, che vennero arrestati, e altri parenti, solo indagati, poche settimane fa sono stati scagionati da ongi accusa dal tribunale diu Gujarat. La Procura di Brescia aveva aperto un’inchiesta contro ignoti e senza ipotesi di reato. Ora il Procuratore generale ha iscritto nel registro degli indagati il padre, lo zio e uno dei fratelli di Sana con l’accusa di omicidio volontario.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare