Cerca
Close this search box.
“LA PLASTICITA’ DEL CERVELLO”, UN INCONTRO A CASNIGO

“LA PLASTICITA’ DEL CERVELLO”, UN INCONTRO A CASNIGO

Una serata di approfondimento per riflettere su stili di vita, ambiente e malattie della terza età. E’ in programma venerdì 17 novembre alle 20.30 presso il Circolo Fratellanza di Casnigo l’incontro dal titolo “La Plasticità del Cervello” organizzato dai gruppi Rilanciamo Casnigo e Casnigo nel Cuore.
“Alla serata – spiegano gli organizzatori – interverrà la dottoressa Daniela Perani, ricercatrice presso l’Università e l’Ospedale San Raffaele a Milano. Si è occupata, nelle sue ricerche sul cervello umano, dei fattori che possono aiutarlo a combattere l’invecchiamento e le malattie neurodegenerative da cui può essere colpito. Tra questi l’esercizio fisico e le attività cognitive, la socializzazione, fattori che aumentano le connessioni cerebrali e la loro forza. Alcuni studi in particolare hanno dimostrato che un buon livello di educazione scolastica, un lavoro attivo e partecipato, sono tra i fattori principali per costruire una buona resistenza nel nostro cervello, e altri come la lettura, la musica e il parlare più lingue o dialetti sembrano contribuire altrettanto. Il cervello è plastico e risponde a si adatta a questi “stimoli”, purchè costanti e continuativi”.
Nel corso dell’incontro verranno illustrati esempi dettagliati circa i risultati delle ricerche in neuroscienze, per contribuire a una migliore conoscenza e consapevolezza di quanto ciascuno può fare per una vita sana, che si rifletta anche in una miglior salute dei propri neuroni. L’intervento del dott. Vincenzo Zanotti, medico di medicina generale con quarant’anni di esperienza maturata sul campo, riguarderà le condizioni mediche che, se ben curate, possono contrastare l’insorgere delle demenze. La serata è ad ingresso libero.

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione