La ISEO si rafforza nel settore sicurezza e controllo accessi

Nella foto Roberto Gaspari, Group Chief Executive Officer di ISEO

La multinazionale italiana ISEO, con sede centrale a Pisogne, ha acquisito la  partecipazione azionaria di maggioranza della società Sofia Locks, con sede operativa a  Milano e specializzata in soluzioni di controllo accessi cloud native.

Questa iniziativa rientra nella strategia aziendale di ISEO rivolta a rafforzare la propria  posizione internazionale in Europa nella gestione degli accessi e dei flussi delle persone  all’interno degli edifici, con soluzioni integrate, sicure

Ricordiamo che ISEO è da oltre 50 anni la multinazionale italiana leader nel settore della  sicurezza e controllo accessi,  che dal 1969 lavora per spostare sempre più in avanti il significato di sicurezza, interpretando in chiave evoluta i bisogni di  famiglie, aziende, progettisti ed installatori.

. La ISEO oggi è una realtà che può contare sul contributo di oltre 1.200 dipendenti nel mondo, e opera attraverso 12 società: sviluppa, produce e commercializza i propri prodotti e soluzioni in Europa, Asia, Medio Oriente, Sud Africa e Sud America.

Sofia Locks è un’azienda PropTech (tecnologie per le proprietà immobiliari) che nasce per servire la nuova richiesta di gestione sicura e flessibile degli spazi. Le soluzioni di Sofia Locks  sono state progettate per rispondere ai bisogni degli spazi di lavoro, come i coworking e gli  uffici (flexible workspace), degli spazi residenziali e di co-living, cohousing e social housing,  oltre al mondo del retail e della logistica.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché