La casa che verrà

Con un cospicuo investimento la vecchia caserma della guardia di finanza di Breno diventerà un centro all’avanguardia per i disabili con un nuovo social food, un servizio di terapia evolutiva, nuovi spazi per il Cse ed un moderno housing sociale: il nuovo edificio verrà realizzato con il sistema Light Steel Frame o anche noto come sistema costruttivo in acciaio leggero. Costerà circa due milioni e mezzo di euro, iva inclusa e sarà la casa di ultima generazione per servizi ai disabili della Cooperativa Arcobaleno di Breno e della Vallecamonica. E’ la ”Casa che verrà”, ma non troppo lontana nel tempo. Abbattua la vecchia caserma della guardia di finanza, accanto alla sede della Cooperativa Arcobaleno, ecco nascere il nuovo centro che avrà un piano terra ricco di novità. Al secondo piano della nuova struttura ci sarà il servizio ampliato di terapia evolutiva con un grande poliambulatorio, al terzo piano un nuovo CSE con più spazi e servizi ed all’ultimo piano il fiore all’occhiello della Cooperativa Arcobaleno: l’Housing sociale. Ora si attendono sostegni concreti dal territorio: oltre a fondi propri, infatti, la Cooperativa Arcobaleno e l’Anfass Vallecamonica contano sulla generosità di benefattori, termine desueto ma sempre molto efficace e degli sponsor che ben conoscono anche il meccanismo per i vantaggi fiscali derivanti dalle donazioni liberali a scopo sociale.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di