elicottero Sondrio volo

Interventi a catena su strade e piste di sci

La giornata di Capodanno si presenta a due facce per quanto riguarda la sicurezza sulle strade, gli incidenti, gli infortuni sulle piste: la mattinata, infatti, è stata tranquilla, ma poi sono iniziati i problemi.

Un incidente stradale alle 11.40 a Gambara, con tre feriti, ha dato il via alla serie di interventi che, tra Brescia e Bergamo, sulle strade e sulle piste di sci, con punte nelle vallate bresciane e bergamasche, sono stati oltre 20 con oltre 40 feriti ed un morto, un 72enne finito con la sua auto contro un ostacolo a S. Omobono valle Imagna. Ancora una volta il teatro di una serie di incidenti, fortunatamente non gravi vista la lentezza del traffico di rientro verso le città, è la statale 42 ad avere il triste primato, soprattutto all’altezza degli svincoli per Esine dove attorno alle 16.40 si sono registrati 4 feriti, fortunatamente non gravi. Poco dopo, alle 17.10, in territorio di Breno, sempre sulla 42, un’auto si è ribaltata: i due occupanti sono stati soccorsi dai vigili del fuoco e dalle ambulanze da terra e trasferiti in codice giallo a Esine. Molti interventi anche sulle piste di sci dove hanno operato principalmente gli elicotteri, vista la condizione del traffico sulle strade e la necessità di trasferire celermente i feriti agli ospedali: è accaduto a Carona dove è stato soccorso un ragazzino di 13 anni ed elitrasportato a Bergamo, quindi a Gandino per soccorrere un 45enne caduto in zona impervia e infine anche a Foppolo per i due sciatori travolti da valanga, soccorsi e trasferiti in codice giallo sempre a Bergamo. A Ponte di Legno di sono verificati sette interventi sulle piste, dove una 17enne è stata soccorsa dall’elicottero del 118 e trasferita a Bergamo, tre incidenti in sequenza a Montecampione dove uno dei tre infortunati è stato elitrasportato a Brescia, tre interventi anche a Carona, quindi a Borno, al Baradello di Aprica, a Temù, a Selvino, a Vilminore, e al Monte Pora Castione della Presolana. A tutto questo si aggiungono gli oltre 50 interventi, dalla notte di Capodanno e per l’intera giornata del 1 gennaio, per soccorrere chi aveva bevuto o mangiato troppo, con malori conseguenti tali da dover ricorrere al Pronto Soccorso. Nella giornata di Capodanno tutti i mezzi di soccorso da terra e dal cielo, con le Forze dell’Ordine, i Vigili del fuoco, i soccorritori su pista, sono stati costantemente impegnati per tanti allarmi ed emergenze.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in