led illuminazione e1503568632470 510x602

Ingresso a sorpresa

Possiamo provare ad immaginare la nostra casa fin da quando ci si presenta l’occasione di poter averne una tutta nostra. Immediatamente qualcosa dentro di noi ci mette in azione, fremiamo da desiderio di poterla vivere al più presto, se potessimo, anche subito. Non importa se non siamo esperti del settore, architetti o interior designer; ci conosciamo bene, sappiamo cosa ci aggrada di più rispetto a ciò che non ci piace affatto. Così, solitamente, raccogliamo tutto quanto ci possa essere d’aiuto per visualizzare al meglio l’immagine della casa che sogniamo.

E’ facile che riaffiorino nella nostra mente i ricordi di quando siamo stati invitati, per fare un esempio, a cena da un amico. Qualcosa della casa in cui eravamo stati accolti ci aveva colpiti:
un’atmosfera dal carattere ben definito in cui eravamo stati accolti, un particolare, un dettaglio o un insieme di oggetti. Forse abbiamo anche pensato di voler abitare in una casa come quella in cui ci siamo trovati e forse, avremmo cambiato qualcosa, perché non tutto era esattamente come vorremmo che fosse la casa che abiteremo noi.
E’ meravigliosa la magia che si crea, la corrispondenza tra ciò che siamo e ciò che i nostri sensi percepiscono di un ambiente. Se ci piace, ci sentiamo bene, a nostro agio. La mente si apre e fa spazio a ciò che desideriamo di bello per noi. Personalmente, da professionista architetto quale sono ritengo che questo tipo di esperienza sia un processo affascinante: ognuno di noi è unico ed irripetibile. Cosi come le nostre case sono uniche ed irripetibili. Non esistono case uguali ad altre; esattamente come le persone, possono avere caratteristiche simili, ma mai perfettamente identiche. Ognuno di noi possiede un gusto personale, e può esprimerlo attraverso l’apprezzamento di determinate materie colori e luci. Siamo in grado di cogliere e distinguere cio’ che ci piace da ciò che non ci aggrada.
Ebbene, in un’epoca lontana dagli anni in cui gli spazi dedicati ad una casa possedevano dimensioni e altezze notevolmente differenti da quelle di oggi, sembra ormai essere sparito l’ingresso, la stanza che tradizionalmente dà accesso alla casa. Eppure è uno spazio importante, il primo che ci attende dopo aver varcato la soglia. È lo spazio che accoglie noi, i nostri figli, i nostri amici, a volte anche chi non conosciamo affatto. Il primo ad essere visto quando torniamo dal lavoro, da una vacanza, da una passeggiata e l’ultimo prima di cominciare le nostre giornate.
Spesso viene trascurato, ingiustamente. Anche se ormai, l’ingresso tende ad essere sempre più piccolo se non addirittura uno spazio inesistente possiamo utilizzare qualche accorgimento per restituire la giusta importanza che oggettivamente possiede. E’ il nostro benvenuto, il nostro biglietto da visita. E’ qui che inizia la nostra casa. Qui si svela una parte di chi siamo e i nostri gusti raccontano qualcosa di noi.
Tra le idee che abbiamo raccolto quando pensavamo a come sarebbe stata la nostra casa questo spazio sarà tanto più accogliente e d’impatto quanto più saremo attenti ad alcuni semplici e basilari consigli:
1. Scegliamo un colore che valorizzi lo spazio che abbiamo a disposizione e che sia in linea con i toni di colore che abbiamo scelto per la nostra casa. Se l’ingresso è spazioso possiamo osare con colori dai toni intensi, al contrario è preferibile un colore chiaro e se ci piace possiamo decorare a righe o fasce orizzontali una parete per aumentare la percezione dello spazio.
2. Certamente una lampada a sospensione di design ed eventualmente d’impatto posta al centro dello spazio o lungo la mezzeria della porta d’ingresso risulterà essere un elemento molto caratterizzante. Altrimenti possiamo optare per faretti ad incasso nel caso in cui preferiamo soluzioni decisamente minimal.
3. Uno specchio a tutta altezza magari dai toni ambrati o fumè oltre a svolgere la loro funzione propria, aiutano a rendere molto elegante l’atmosfera. Esistono soluzioni a specchio anche per porte scorrevoli nel caso in cui non possediamo lo spazio necessario dove poter apporre il nostro specchio.
4. Cerchiamo di fare il possibile per ottenere lo spazio per un appendiabiti, ce ne sono moltissimi anche a basso costo ed oltre ad essere funzionali possono diventare un elemento decorativo per una parete. Meglio ancora se abbiamo la possibilità di ricavare una nicchia in cui inserire un mobile con appenderia e scaffali nascosti chiuso con ante a tutta altezza per mantenere ordinato e minimalista il nostro ingresso. Bianco o laccato di un colore a nostra scelta la nostra cappottiera assumerà un aspetto totalmente diverso a seconda dello stile che abbiamo scelto per la nostra casa.
Ci sono moltissime altre idee che rendono unico il nostro ingresso, certamente l’architetto saprà indicarci la soluzione migliore per lo spazio che abbiamo a disposizione. Noi, insieme al nostro gusto unico ed irripetibile possiamo trasformare il nostro ingresso in una meravigliosa sorpresa.

a cura Arch. Elena Villa

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli