volante polizia

Individuato l’autore del furto in un bar

La Sala Operativa della Questura, alle 2.40 circa del 27 marzo, ha inviato una pattuglia della Squadra Volante presso un bar di via Villaggio Ferrari, per segnalazione d’allarme. Giunti sul posto, gli operanti hanno riscontrato la forzatura di una tapparella del bar e l’effrazione della finestra, oltre a macchie di sangue sul davanzale e sul bancone del bar.

Con il proprietario dell’esercizio commerciale, i poliziotti hanno verificato l’ammanco di un pc portatile, di un modem e di circa 4 euro sottratti dal fondo cassa. Considerata la modalità del furto, gli agenti hanno deciso di effettuare un controllo nell’abitazione di un soggetto 38enne italiano, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari proprio nelle vicinanze del bar e conosciuto alle forze dell’ordine come autore di furti in attività commerciali. Lungo la scala del condominio gli agenti hanno trovato piccole macchie fresche di sangue che portavano fino all’uscio del pregiudicato che, aperta la porta, non ha potuto nascondere le escoriazioni ed i tagli sanguinanti sui palmi e sui dorsi delle sue mani. I poliziotti hanno subito notato nel cestino dell’immondizia il modem sottratto al proprietario del bar e ne hanno chiesto la provenienza. Messo di fronte all’evidenza il 38enne ha ammesso di avere commesso il furto presso il bar in questione. Nell’armadio l’uomo aveva già nascosto il pc portatile e nelle tasche le poche monete rubate dalla cassa.

La refurtiva è stata restituita all’avente diritto. L’uomo, dopo essere stato portato al pronto soccorso per le medicazioni necessarie, è stato sottoposto al rito direttissimo per il reato di furto aggravato ed evasione, in seguito al quale è stato condotto in carcere.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare