Morto Bienno

Incredulità e dolore sulla morte di Lorenzo Morandini

Le comunità di Bienno e di Esine sono attonite per la tragica morte di Lorenzo Morandini, 48 anni, avvenuta ieri poco dopo le 9.00 in via Ercoli, traversa di via Mazzini a Bienno, al civico numero 1, dove c’è una casa a due piani con ampio solaio.

Il corpo di Lorenzo è stato visto a terra da alcuni vicini nel cortile al lato sud della casa, ormai senza vita. Era evidente una caduta dall’alto della casa dove Lorenzo in questi giorni stava ristrutturando un appartamento. Dopo l’allarme al 112 è scattata la catena dei soccorsi: la centrale operativa dell’Areu ha inviato sul posto l’auto medica da Esine il cui medico ha però dovuto constatare la morte dell’uomo; è stata fatta quindi rientrare l’ambulanza che nel frattempo stava portandosi sul posto. Immediato l’intervento anche dei Carabinieri della Stazione di Esine con due pattuglie, che hanno svolto le indagini per capire come l’uomo fosse finito a terra cadendo da un’altezza di 8-10 metri. Fino a mercoledì sembra che il 48enne stesse lavorando a sistemare i danni del vento al tetto della casa, ma pare che questo giovedì mattina nessuno lo abbia visto al lavoro sul tetto. In ogni caso restano aperte alcune ipotesi: da un malore improvviso, se si fosse trovato sul tetto; ad un incidente durante eventuali lavori di riparazione della copertura, mentre sembrerebbe da escludere un possibile gesto estremo. In ogni caso, la caduta dall’alto gli è stata fatale. La salma dell’uomo si trova ora nella casa del Commiato dell’Agenzia di pompe funebri Dellanoce, accanto all’Ospedale di Esine, dove è iniziato il mesto pellegrinaggio di parenti e amici. Lo piangono la moglie, la figlia Alessia, la mamma Miralda, il papà Battista e la sorella Giulia. Questa sera alle 18.30 si terrà la veglia di preghiera e i funerali verranno celebrati domani alle 10.30 nella chiesa parrocchiale di Esine.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare