consiglieri regionali in Ats

In Ats bergamo vertice sulla salute dei cittadini

Venerdì 1 marzo, nella sede di via Gallicciolli, la Direzione Strategica di Ats Bergamo ha invitato gli assessori e i consiglieri regionali bergamaschi. Presente anche la presidente della Conferenza dei Sindaci. Il primo di una serie di incontri a cadenza semestrale che l’Ats di Bergamo ha programmato per far squadra con Regione Lombardia verso il futuro di un Sistema Salute solido, strettamente connesso al territorio e teso a migliorare il già eccellente servizio sociosanitario.

Il direttore generale Massimo Giupponi ha condiviso le tappe del quinquennio di mandato, attivando un confronto su temi di rilevanza: l’analisi della rete dell’offerta provinciale, la definizione del sistema di governance con i Comuni. Sul tavolo di confronto anche i temi del Pronto Soccorso e dei tempi di attesa per le prestazioni specialistiche ambulatoriali.

In un clima di collaborazione mirata a rispondere ai bisogni del territorio bergamasco sono stati analizzati i punti di forza e le esigenze di salute dei cittadini, l’organizzazione dei processi e dei sistemi complessi orientati alla cura, alla riabilitazione e all’assistenza delle persone fragili con un’attenzione particolare alla prevenzione e alla promozione della salute. Come sottolineato dal direttore generale Massimo Giupponi: “L’incontro di oggi sancisce la costruzione di un sistema di collaborazione e di confronto continuo e diretto, volto a condividere le priorità, a definire la programmazione degli interventi e a realizzare l’integrazione sociosanitaria sul territorio”.

Unanimi le osservazioni al tavolo di confronto:

Maria Carla Marchesi, presidente della Conferenza dei Sindaci ha evidenziato come la direzione strategica di Ats abbia da subito voluto sancire un rapporto di collaborazione con i Sindaci. “Un lavoro sinergico – ha detto – che, anche attraverso questo momento di incontro con Regione Lombardia, è estremamente positivo per il sistema dei Comuni impegnati nel significativo ruolo di integrazione delle politiche sociali con quelle sanitarie”.

Claudia Terzi, Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile

“Apprezzo in modo particolare il metodo di confronto messo in campo dall’Ats di Bergamo, al fine di trovare soluzioni fattive per efficientare ulteriormente il servizio sociosanitario. Le criticità e più in generale le questioni evidenziate dal direttore generale Massimo Giupponi sono condivise: si tratta di tematiche all’attenzione della Giunta regionale. Per quanto riguarda la riduzione delle liste d’attesa, da diverso tempo è in atto un lavoro specifico supportato da cospicui investimenti, ma sul punto si può e si deve fare ancora molto. Inoltre ho condiviso con i presenti al tavolo le preoccupazioni sul futuro dei medici di base e dei pediatri, la cui carenza sta assumendo dimensioni rilevanti con ricadute negative per i cittadini. Ho chiesto poi un aggiornamento sulle professionalità di cui il territorio ha bisogno e che rischiano di mancare nei prossimi anni, anche in relazione alla discussione aperta a livello nazionale sull’autonomia”.

Niccolò Carretta, consigliere regionale lombardo:

“Ringrazio Ats Bergamo per l’organizzazione di questi momenti di confronto anche da membro della Commissione Sanità. Condivido le tre principali criticità (PS, Liste d’attesa e Psichiatria) a cui aggiungo il tema della carenza di organici sia tra Medici di Medicina Generale sia tra specialisti su cui è importante trovare soluzioni efficaci”.

Jacopo Scandella, consigliere regionale lombardo

“Ringrazio per la modalità di lavoro e apprezzo la possibilità di confronto con consiglieri della maggioranza e opposizione oltre che con la direzione di Ats. Le priorità sottolineate oggi sono da un lato la questione della cronicità e quali strategie adottare per realizzare la presa in carico. Sul tema della riduzione dei medici soprattutto per le aree rurali è importante trovare una soluzione che garantisca servizi che rischiano di scomparire”.

Paolo Franco, consigliere regionale lombardo

“Un cambio di passo nel metodo di coinvolgimento che fa ben sperare. L’alta professionalità della squadra dei direttori scelti dal direttore generale Massimo Giupponi mostra una grande attenzione ai bisogni e alle richieste del territorio”

Alex Galizzi, consigliere regionale lombardo

“Consapevole che il sistema sanitario di Regione Lombardia è già un’eccellenza, si può solo migliorare. La nuova metodologia di lavoro proposta dal dott. Giupponi e dalla sua direzione strategica credo che potrà essere ancora più concreta perché così impostata raccoglierà le necessità del territorio in modo da essere più efficace nell’offrire soluzioni al servizio del cittadino e del miglioramento del sistema socio sanitario”.

Dario Violi, consigliere regionale lombardo

“Gli incontri periodici sono per noi un’occasione importante per raccogliere le problematiche e i disagi che vivono i cittadini. Attraverso l’ascolto ci impegneremo per poter migliorare in servizi conseguentemente alla nostra azione in Consiglio Regionale”.

Giovanni Malanchini consigliere regionale lombardo

“Vorrei rivolgere un ringrazimento particolare all’Ats e al direttore generale Giupponi per il metodo di lavoro adottato che segna una ferma volontà di creare punti di incontro e dialogo tra i diversi livelli istituzionali e gli organi di rappresentanza del territorio.

Monica Mazzoleni consigliere regionale lombardo

“Mi fa molto piacere questo metodo nuovo di lavoro che coinvolge tutte le forze politiche anche diverse però con un unico obiettivo a favore della salute di tutti i ns cittadini. Auguro buon lavoro al DG e a tutto lo staff della Direzione strategica”

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Arte medievale nelle Alpi

La Società Storica e Antropologica di Valle Camonica organizza il X convegno I.S.T.A. (Incontri per lo Studio dei Territori Alpini) dal titolo “Arte medievale nelle

Uccisa a colpi di martello

Ancora violenza ai danni di una donna bresciana uccisa a martellate. Enzo Galesi 59enne tempo fa aveva avuto una relazione con Elena Casanova di 41