Il test del Dna conferma quanto già si temeva: è di Laura Ziliani il corpo ritrovato

Mancava solo l’ufficialità, adesso è arrivata: il corpo trovato domenica 8 agosto vicino al fiume Oglio è quello di Laura Ziliani. L’esame del Dna ha stabilito senza possibilità di discussione che si tratta dell’ex vigilessa; adesso si attendono gli esiti dei test tossicologici, che potrebbero chiarire le cause della morte. L’ipotesi è che prima di morire la donna possa essere stata narcotizzata o avvelenata. Tra le suggestioni, sta prendendo piede anche quella che sia stata sepolta due volte. Prima potrebbe essere stata altrove, forse in un luogo fresco. Questo perché, secondo l’autopsia, i suoi organi interni erano ben conservati e il corpo non presentava la presenza di insetti e larve. I prossimi esami potrebbero fornire prove più certe per aiutare chi di dovere a ricostruire le ultime ore di vita di Laura Ziliani. L’ultima immagine di lei in vita risale a venerdì 7 maggio alle 20.10 quando il passaggio della sua auto è stato registrato dalle telecamere di sorveglianza a Incudine.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di