Cerca
Close this search box.

Il Gruppo Teatrale di Artogne compie 35 anni

Era il 26 dicembre 1985 quando un gruppo di giovani teatranti si riunì e diede vita all’A.s.d. Gruppo Teatrale di Artogne. Trentacinque anni dopo, sono più di cinquecento gli attori artognesi ad aver calcato i palchi dei teatri camuni. Bambini, adolescenti e adulti, uniti dalla voglia di divertirsi e di far divertire gli altri. Si immaginavano di festeggiare un anniversario così speciale in ben altra maniera, i componenti della compagnia, ma l’emergenza sanitaria ha sconvolto i piani di tutti e il teatro non ha fatto eccezione.

“Abbiamo fatto gli ultimi spettacoli a febbraio, poi è saltato tutto – spiega Delia Filippi, presidente del gruppo -. Inizialmente l’idea di festeggiare il 35imo era passata in secondo piano, però poi pensandoci abbiamo capito che qualcosa di speciale si sarebbe potuto fare anche utilizzando i social network”. È nata così l’idea, che sta prendendo forma in questi giorni, di raccogliere le numerose testimonianze di chi, in questi trentacinque anni, è stato coinvolto nelle attività teatrali o anche più semplicemente ha goduto dello spettacolo offerto.

I video raccolti sono stati pubblicati ieri sulla pagina Facebook “35 anni con noi”, per rivivere insieme i tanti momenti condivisi e farsi gli auguri per questo speciale anniversario. “Avevamo pensato a diverse manifestazioni per questa data, ma vogliamo comunque festeggiare – continua Delia -. Lo scopo del teatro per noi è aggregativo, come gruppo promuoviamo la recitazione a livello amatoriale”. La compagnia si compone del gruppo degli adulti di “Teatranti allo Sbaraglio”, degli adolescenti di “Attori per Caso” e dei bambini con la “Rumor Band”. La missione in trentacinque anni non è cambiata: comunicare attraverso il teatro ciò che si porta quotidianamente nel cuore.

Francesco Moretti

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione