polizia locale big

Il conducente senza patente ed entrambi ubriachi: si schiantano in auto

A pranzo un buon bicchiere di vino che accompagna, non guasta mai, ma attenzione a non alzare troppo il gomito. Una vicenda simile si è verificata lo scorso giovedì 24 ottobre nel pomeriggio quando, una donna di 34 insegnante, ed un uomo di 36 anni dopo un pranzo a base di sushi in un ristorante giapponese di Lallio, si sono schiantati in auto per l’eccessivo stato di ebbrezza. Pare che la donna, resasi conto di non essere in uno stato sicuro per mettersi alla guida, abbia dato le chiavi della sua auto all’uomo, privo di patente di guida (mai conseguita in realtà), e che dopo un breve tragitto percorso, nel tentativo di schivare un pedone che attraversava la strada, si sia schiantato con l’auto della donna sfondando la recinzione attorno ad una cabina di gas. I due successivamente hanno poi tentato di scappare a tutta velocità, mettendo anche a rischio l’incolumità di alcuni passanti. Ad allertare la folle corsa dei due, alcuni pedoni che hanno allertato le forze dell’ordine dopo aver visto, all’altezza di via Pascoletto, un uomo in evidente stato di alterazione, col volto parzialmente insanguinato che cercava di sostituire il pneumatico di una piccola utilitaria incidentata. Sul posto sono giunti gli uomini della Polizia Locale di Lallio ed un ambulanza per soccorrere i due. Il conducente e la donna, dopo aver ricevuto le prime cure sono stati sottoposti ai controlli di routine per accertare l’abuso di sostanze alcoliche e psicotrope. Per i due, ora, scatteranno sanzioni amministrative per diversi illeciti al codice della strada. Un pranzo decisamente costoso, dato che la somma comminata dagli agenti supererà i 6mila euro.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Nasce il Monopoly in Versione Bergamo

Il Comune di Bergamo ha annunciato attraverso la propria pagina Facebook una collaborazione con il gioco in scatola più famoso del mondo. “Abbiamo concesso l’utilizzo