Spatola e Carla

Identikit di una Fake News

Il termine Fake News richiama un mondo nascosto, fatto di leggende metropolitane e voci urbane che sussurrano di fatti strani, misteriosi, ma l’universo delle notizie false è ben più vicino a noi e, a volte in modo del tutto velato e indistinguibile dal vero, inquina la percezione reale dell’informazione, spesso trasmettendo un’immagine distorta di istituzioni e fatti reali. “Warning Fake news” è il manuale definitivo sulle Fake news di Giuseppe Spatola e Carla Bruni che sarà presentato il prossimo marzo a Bruxelles. La redazione di Montagne & Paesi li ha incontrati per sapere di più sul libro, come nascono le notizie false, come combatterle e contrastarle.

Dove nasce l’idea di scrivere un manuale sulle Fake News?

Il libro nasce su comunicazione della Comunità Europea e su mandato da parte del gruppo dell’Enf (European Nation Freedom). È stato necessario capire quale fosse l’approccio mediatico a una realtà così complessa come quella dell’Unione Europea. Si è scoperto, anche analizzando il mercato, che l’immagine data all’esterno era viziata da molte fake news in circolazione. L’Europa viene raccontata male e ne viene trasmessa una percezione sbagliata. È una guida per orientarsi, imparare a difendersi dalle Fake News e capire l’importanza del giornalismo e della buona informazione.

Dove hanno origine le Fake News?

le Fake News nascono dal niente: oggi chi ha uno smartphone può potenzialmente contribuire a diffondere una notizia falsa. Non sono tanto una questione sociale ma un vero e proprio business economico; ci sono siti che vivono sui clic fatti dalle notizie strane. Quelle più gravi riguardano il razzismo o la sanità: più la notizia indigna e più il moltiplicatore di clic aumenta.

Dove si può collocare nel tempo la nascita delle Fake News?

Le bufale esistono dall’alba dei tempi, basti pensare al discorso sulla falsa e menzognera donazione di Costantino o all’invasione aliena di Orson Wells, un esempio di Fake News d’annata. Oggi la notizia inventata, rabberciata e spinta sulla rete, rischia di creare un effetto domino difficile da fermare. La rete globale permette in una frazione di secondo di mettere a disposizione una notizia da New York a Pechino senza gli opportuni filtri.

Fake news e tecnologia. Quali sono i nuovi mezzi a disposizione della notizia falsa?

Ci sono tanti metodi per ingannare la rete. Una nuova tecnologia per esempio sono i bot su Twitter, con video manipolati per sostenere una determinata tesi: il soggetto parla in una dichiarazione autentica, la quale viene estrapolata dal contesto e messa su una posizione diversa; la voce è quella del soggetto reale ma il contesto è un altro, una verità decontestualizzata. Con la presenza delle nuove tecnologie ognuno ha la possibilità di fare ricerche infinite e, conseguentemente, anche di incappare in maniera infinita in qualcosa che non è vero.

Si parla anche di editoria locale, che relazione ha con le Fake News e come può contrastarle?

Questo lavoro arriva dopo un altro libro uscito lo scorso anno, dedicato all’importanza dell’editoria locale: Anche in questo caso si era partiti dalla base per arrivare ai vertici dell’Unione Europea. I giornali locali danno la certezza quasi matematica che quanto raccontato sia vero, tant’è che i fatti che nascono dalla stampa locale spesso vengono rimbalzati dai giornali nazionali, anche se, quando diventano casi mediatici, ci si dimentica da dove hanno avuto origine.

Come si combatte e come ci si difendersi dalla falsa informazione?

Cercando di approfondire e avere la coscienza di affidarsi sempre a mezzi di comunicazione che siano oggettivamente reali. Informarsi, leggere e chiedersi sempre se una notizia è vera. È fondamentale anche garantire, a chi si occupa di informazione per professione, i mezzi per poterlo fare nel modo migliore. L’Italia è l’unico paese con un ordine dei giornalisti e Il garante della verità è lo stesso ordine. Se sei un giornalista ti devi attenere ad una serie di regole deontologiche che ti portano sempre a scrivere la verità. È un organismo di un’utilità incredibile a partire proprio dalla lotta alle Fake News.

Nel libro c’è un intervento sul Copyright da parte del presidente dell’ordine della Lombardia Galimberti. Perché Copyright e Fake News ?

Il Copyright è la garanzia di un editore di trattenere per sé le notizie che scrive e serve proprio a proteggere la buona informazione. Permette di avere una garanzia che le notizie siano scritte in Italia, da giornalisti iscritti all’ordine e con il compito e il dovere di perseguire la verità; è uno scudo per gli editori italiani.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Andamento occupazione nella bergamasca

Rispetto alle previsioni, la fine del congelamento dei licenziamenti non ha provocato gli effetti negativi che preoccupavano gli imprenditori del terziario di Bergamo nei mesi

Natale ad Ambivere

Si avvicinano le feste natalizie e, puntualmente, tornano, per la gioia di grandi e piccini, le belle iniziative organizzate dall’amministrazione comunale di Ambivere, da sempre