Gian Mario Ghirardi sul podio mondiale

Record assoluto per Gian Mario Ghirardi di Malonno che vince per il terzo anno consecutivo il campionato mondiale di mungitura a mano con un record di latte munto in 2 minuti di 9,20 litri, risultato che supera tutti i precedenti.

Oltre 5.000 persone hanno assistito all’evento in una giornata indimenticabile per Malonno e la Vallecamonica. Tra i concorrenti Sofia Caratti, 46 anni, di Berzo Demo (Brescia), prima lo scorso anno nella categoria femminile, il più giovane dei mungitori Andrea Carrara, 14 anni, di Serina (Bergamo), mentre il più anziano è stato l’olandese Jan Roelof Svijkervet, 81 anni, già campione della specialità nei Paesi Bassi.

La gara è iniziata alle 10 e si è conclusa poco dopo mezzogiorno, sotto i riflettori dei media locali e nazionali. Al termine delle 7 batterie, che hanno coinvolto il pubblico, ha trionfato Gian Mario Ghirardi con 9,20 litri, al secondo posto Simone Rossi con 7,88 litri e al terzi Roberto Carrara con 7,68 litri. In campo femminile prima si è piazzata Sofia Caratti di Berzo demo con 5,60 litri seguita da Simona Carrara ed Emanuela Paganesi. Invece nella categoria giovani si è classificato al primo posto Luca Bettineschi di 16 anni di Vilmaggiore.

Il comitato organizzatore – presieduto dal sindaco Stefano Gelmi – ha predisposto nel migliore dei modi il campo gara e un’accoglienza degna dei grandi avvenimenti. Tra le autorità presenti, oltre agli amministratori di Malonno, il sindaco di Edolo, Luca Masneri, e il sindaco di Corteno Golgi, Martino Martinotta, quindi l’assessore regionale Mauro Parolini, la consigliera regionale Donatella Martinazzoli e Maria Teresa Vivaldini in rappresentanza della Provincia di Brescia, oltre ai responsabili della US Malonno e al campione di corsa in montagna, Marco De Gasperi, che poco dopo le 13 hanno premiato i vincitori.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare