33

G7 dell’agricoltura, le iniziative dedicate al mais bergamasco A Via Tasso la mostra «Nutrica-Zea»


Sabato mattina 7 ottobre nel Palazzo della Provincia di Bergamo è stata inaugurata una manifestazione dedicata al mais bergamasco, agli aspetti della tradizione, dell’innovazione sulla tavola e della biodiversità di questo cereale che custodisce la storia e la cultura di un pezzo della Bergamasca. L’evento è organizzato da Provincia di Bergamo in collaborazione con Terapeutica Artistica – Accademia di Belle Arti di Brera Milano, Centro di Ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali (CREA-CI) di Bergamo e le Associazioni dei Mais Antichi bergamaschi.


Ascolta il presidente Matteo Rossi

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=rIypeDnojjk” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


L’idea è quella di partire dal seme nella terra per arrivare al cibo sulla tavola, seguendo la naturale ciclicità della coltivazione del granoturco. Tre i momenti in cui si articola l’iniziativa:nel cortile, giovani artisti dell’Accademia di Brera del Biennio Terapeutica artistica hanno realizzato un MANDALA con i semi e i colori delle varietà di mais antico;due grandi colonne rivestite da spighe di mais e banchetti sono stati disposti sotto il colonnato del cortile per l’esposizione di prodotti gastronomici derivati dal mais da parte delle associazioni. Tema dell’esposizione è: “LA BIODIVERSITA’ DEL MAIS TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE SULLA TAVOLA”. 24 studenti del Liceo scientifico “Lussana” di Bergamo, grazie a un progetto di alternanza-scuola attivato in collaborazione con l’associazione Promoisola, si turneranno dalle ore 8 alle 18 per illustrare ai visitatori le caratteristiche dei prodotti esposti che rimarranno visitabili fino al 15 ottobre.Nello Spazio Viterbi (4° piano) è stat inaugurata la mostra fotografica NUTRICA_Zea curata dalla direttrice del biennio Terapeutico artistico dell”Accademia di Brera e realizzata dai giovani artisti di Brera, che hanno fatto esperienze dalla semina, alla raccolta e sgranatura delle varietà di mais, alla realizzazione delle opere esposte. La mostra rimarrà aperta a ingresso gratuito fino al 22 ottobre.

Hanno partecipato: il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi, la direttrice del Biennio Terapeutica artistica dell’Accademia di Brera Tiziana Tacconi, Paolo Valoti del Centro di Ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali – Sede di Bergamo (CREA-CI) e i Presidenti delle 5 associazioni dei Mais antichi bergamaschi: Associazione Culturale PromoIsola; Comunità del Mais Spinato di Gandino; Associazione “Cerealicoltori Brembani”; Associazione ROSSO MAIS Rostrato di Rovetta; Associazione Agricoltori Valle San Martino.


Ascolta Paolo Valoti Centro di Ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali – Sede di Bergamo (CREA-CI)

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=jcjK7-sXJh4″ width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


Donatella Scandella presidente Associazione ROSSO MAIS Rostrato di Rovetta

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=JDI57sIuExE” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


Mariangela Gervasoni Associazione Cerealicoltori Brembani

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=s_eThZBoShY” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


Mirco Previtali Associazione Agricoltori Valle San Martino

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=Cgo6rdGFagw” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


Antonio Rottigni presidente Associazione Mais Spinato di Gandino

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=YUx1r25yoVw” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]


 

 

 

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare