Fiera della sostenibilità 2016

“Camminiamo Cantando!”: torna la “Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina”, che si terrà in Valle Camonica nel mese di giungo.

La manifestazione è promossa dalla Comunità Montana di Valle Camonica – Parco dell’Adamello, unitamente alle aree protette di “Rete Natura di Valle Camonica” e con la collaborazione di Distretto Culturale di Valle Camonica e di Sapori di Valle Camonica.

La Fiera del 2016 – intitolata “Camminiamo Cantando!” – sarà imperniata sull’approfondimento dell’Enciclica di Francesco “Laudato sì”, un invito a tutti, non ai soli cattolici, a prendere coscienza e conseguentemente a confrontarsi con i problemi del pianeta: “Quando siamo capaci di superare l’individualismo, si può effettivamente produrre uno stile di vita alternativo e diventa possibile un cambiamento rilevante nella società” (“Laudato sì” – Francesco, Capitolo XI – Puntare su un altro stile di vita – versetto 208).

Inoltre la manifestazione si concentrerà su un altro importante evento del 2015: l’accordo sul clima preso alla COP 21, la conferenza sul clima di Parigi. Per contenere gli effetti del riscaldamento globale del pianeta – e di conseguenza guasti ambientali, tensioni sociali e probabilmente anche guerre – occorre imparare a mitigarne gli effetti, cercando di adattarsi.

Come negli anni precedenti, anche l’edizione 2016 della Fiera offre alle Amministrazioni Comunali e a quanti sono impegnati nella promozione del patrimonio naturalistico e ambientale della Valle Camonica, la possibilità di organizzare eventi e iniziative che, nel corso del mese di giugno 2016, verranno promossi all’interno della rassegna.

Per avere informazioni sul ricco programma e su tutti gli eventi organizzati: http://fierasostenibilita.parcoadamello.it/pages/home.asp

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare