Eventi, artigianato, enogastronomia Val Brembilla in festa per il santo patrono


Anche quest’anno si rinnova in Val Brembilla la tradizionale festa patronale di Sant Antonio, che come sempre, si riconferma come uno dei più importanti eventi dell’estate, con importanti conferme e novità interessanti per i residenti e per tutti i turisti. Per l’occasione è stata organizzata una tre giorni, dal 9 all’11 giugno, all’insegna di spettacoli, eventi, esibizioni sportive, artigianato ed enogastronomia divertimento per grandi e piccoli, che faranno da cornice all’evento religioso dedicato al santo patrono.

Sarà presente grande fiera con 120 Bancarelle, stand espositivi di artigiani, commercianti e prodotti tipici del territorio.  La Fattoria con più di 100 animali, con la grande novità di un vero e proprio accampamento medievale con falconieri, figuranti ed un’area di tiro con l’arco. Una grande giochi per i bambini, prove di canoa, discese mozzafiato con la carrucola, e il luna park. E’ stata poi confermata anche per l’edizione 2017 l’esibizione di Trial Show a Gerosa (venerdì 9 giugno), e la serata con ballo liscio a Brembilla. Sabato 10 giugno, invece, spazio al Jeep Park con evoluzioni di fuoristrada ed il concerto del gruppo Musicartoon. La giornata di domenica 11 giugno sarà dedicata interamente alla fiera. Presenti oltre 120 bancarelle, hobbysti, prodotti tipici, ristoro e menù tipici, dimostrazioni di caseificazione a cura dell’Ecomuseo Valtaleggio e il gran finale del Campionato provinciale dei boscaioli. Per l’occasione sarà possibile degustare menù tipici (su prenotazione) in tutti i ristoranti convenzionati.

Per maggiori informazioni e per il programma completo visita il sito www.valbrembilla.it o pagina facebook @prolocovalbrembilla.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare