OOOO

Eternit, a Bergamo primo monitoraggio con i droni


Bergamo è la prima provincia italiana dove è stato avviato il monitoraggio dello stato delle coperture in eternit attraverso l’utilizzo di droni e di tecnologie innovative. Questa attività, in fase sperimentale sugli edifici pubblici, ha l’obiettivo di tenere controllato il territorio: non tutte le coperture in amianto sono infatti pericolose, ma è lo stato di usura che può innescare la dispersione delle polveri e quindi il loro effetto dannoso sulla salute. Inoltre l’impiego dei droni consente di proteggere l’incolumità dei tecnici esposti ai rischi dell’altezza. In futuro si spera di ampliare il monitoraggio con i droni anche agli edifici privati per tutelare al meglio la salute dei cittadini.

Sempre in tema di amianto nel Bergamasco sono cinque i comuni che hanno beneficiato dei fondi per la rimozione e lo smaltimento negli edifici pubblici. Osio Sotto, Osio Sopra, e Capizzone hanno ottenuto circa 15mila euro ciascuno, Verdello 10 mila e San Pellegrino Terme circa 8 mila.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La casa che verrà

Con un cospicuo investimento la vecchia caserma della guardia di finanza di Breno diventerà un centro all’avanguardia per i disabili con un nuovo social food,