OOOO

Eternit, a Bergamo primo monitoraggio con i droni


Bergamo è la prima provincia italiana dove è stato avviato il monitoraggio dello stato delle coperture in eternit attraverso l’utilizzo di droni e di tecnologie innovative. Questa attività, in fase sperimentale sugli edifici pubblici, ha l’obiettivo di tenere controllato il territorio: non tutte le coperture in amianto sono infatti pericolose, ma è lo stato di usura che può innescare la dispersione delle polveri e quindi il loro effetto dannoso sulla salute. Inoltre l’impiego dei droni consente di proteggere l’incolumità dei tecnici esposti ai rischi dell’altezza. In futuro si spera di ampliare il monitoraggio con i droni anche agli edifici privati per tutelare al meglio la salute dei cittadini.

Sempre in tema di amianto nel Bergamasco sono cinque i comuni che hanno beneficiato dei fondi per la rimozione e lo smaltimento negli edifici pubblici. Osio Sotto, Osio Sopra, e Capizzone hanno ottenuto circa 15mila euro ciascuno, Verdello 10 mila e San Pellegrino Terme circa 8 mila.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare