AVA

Esperienze di produzione in montagna, aziende e associazioni si raccontano

Sabato 7 aprile ad Olmo al Brembo si terrà la «festa di primavera» organizzata dall’ente di promozione turistica e coordinamento territoriale Altobrembo, in collaborazione con le associazioni Cerealicoltori Brembani, Frutticoltori (AFAVB), e Zafferano OLG. 

Questo nuovo appuntamento sarà utile in particolar modo per presentare ai cittadini della valle i progetti e le attività che si stanno sviluppando in ambito agricolo sul territorio con un focus in particolare sulle esperienze di produzione.  «Un’opportunità – fa sapere il presidente di Altobrembo Andrea Paleni – per tutte le realtà aderenti di presentare i propri prodotti e raccogliere adesioni nel caso delle associazioni, quindi la possibilità di nuove collaborazioni sul territorio». «L’obiettivo – aggiunge il presidente Altobrembo – sarà quello di dare visibilità alle buone pratiche svolte in ambito agricolo sul territorio, nella speranza che sempre più residenti possano essere coinvolti in questo genere di attività».

La fiera si terrà a partire dalle ore 15. Verranno presentati servizi, attività, prodotti dalle diverse aziende partecipanti, che si affiancheranno (fino alle ore 17,30) a laboratori didattici confezionati ad hoc. Oltre a questo ci sarà l’opportunità ulteriore dello scambio dei semi. Dalle 17,30 a salire in cattedra saranno proprio queste piccole realtà imprenditoriali e associazionistiche che porteranno, raccontandole, tutte le loro esperienze ai presenti. A chiusura dell’evento si terrà una cena, a numero chiuso (e su prenotazione), che vedrà protagonisti i prodotti presenti all’iniziativa. E tra questi: piccoli frutti, erbe spontanee, patate di montagna.

Ulteriori informazioni sul sito internet: www.altobrembo.it; o chiamando il numero di cellulare: 348/1842781.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare