CAmpeggio Corti

Due anziani morti in un campeggio per una fatale coincidenza

Tragica coincidenza nella serata di lunedì 28 agosto nel campeggio di via Casa Corti in Valbondione: in poco tempo, circa un’ora, due anziani sono morti per malori che non hanno lasciato loro scampo.

Si tratta di due villeggianti milanesi: un uomo di 77 ani e una donna di 85 anni deceduti a breve distanza di tempo uno dall’altro. I dati ufficiali dell’Areu indicano alle 19,40 l’intervento nel primo caso, l’uomo di 77 anni; ed alle 20,10 l’intervento per il secondo caso, la donna 85enne. Secondo i sanitari intervenuti con le ambulanze da terra del 1181, entrambi i decessi sarebbero stati causati da una grave crisi cardiaca acuta. Sul posto, infatti, a due riprese, sono giunti l’automedica e una ambulanza della Croce Blu di Gromo i cui sanitari hanno cercato di prestare i primi soccorsi all’anziano che si trovava nella sua roulotte ma, proprio mentre erano impegnati nelle operazioni di rianimazione i volontari e il medico sono stati chiamati per il secondo intervento in soccorso della donna, anch’essa nella sua roulotte. Anche in questo caso, il massaggio cardiaco praticatole non è riuscito a salvarle la vita. Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri della stazione di Ardesio per gli accertamenti di legge. Le salme dei due anziani sono state trattenute nel campeggio in attesa che i parenti delle due vittime, avvisati dal personale del camping, possano riportare i corpi dei congiunti nei paesi d’origine: il pensionato era di Cormano, mentre la donna di Cologno Monzese. L’episodio ha destato viva impressione sia tra gli ospiti del campeggio che nella popolazione, ma anche tra i soccorritori che si sono trovati di fronte ad una doppia emergenza, nello stesso luogo e con modalità analoghe, senza alcun rapporto di causa tra i due fatti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare