Tribunale Brescia

Decima vittima di uno stalker seriale

Il giudice nell’udienza preliminare del Tribunale di Brescia ha deciso di rinviare a giudizio il 12 settembre 2017 un 45enne di Castelmella accusato di essere uno stalker con atti persecutori verso una 50enne di Sonico che aveva conosciuto attraverso Facebook e poi conosciuta di persona fino al fidanzamento.

Ma quando la donna ha deciso di interrompere il rapporto, l’uomo ha iniziato a perseguitarla arrivando a veri e propri atti di violenza. La donna per oltre un anno avrebbe ricevuto e registrato 400 telefonate al giorno, tutte intimidatorie e cariche di minacce. A questi sono seguiti anche appostamenti sotto casa, con le urla e le imprecazioni, tanto da costringere la donna a cambiare spesso abitazione. Poi il 45enne ha postato sui social network alcune foto intime della 50enne con tanto di numero di cellulare allegato. Quindi la sua vittima è stata costretta anche a cambiare utenza dopo aver ricevuto numerose proposte sessuali. Gli atti persecutori hanno coinvolto anche la figlia della 50enne. Nel giugno del 2016 la donna era stata costretta a restare in casa senza poter uscire, per la paura della presenza dell’uomo e l’episodio si è configurato come sequestro di persona. Dapprima lo stalker era stato ammonito con divieto di avvicinarsi alla 50enne. Durante le indagini è emerso che il 45enne di Castelmella aveva avuto atteggiamenti e comportamenti analoghi verso altre nove donne in precedenza e fosse conosciuto alle forze dell’ordine dal 1995. A settembre a Brescia ci sarà il dibattimento al processo.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di