Dalla mezzanotte di domenica si torna al rosso

Quello che non doveva verificarsi si è concretizzato nel pomeriggio con l’attribuzione alla nostra Regione del titolo di zona rossa.
Dalla mezzanotte di domenica verremo proiettati, nuovamente, nella situazione surreale che abbiamo già valutato nel corso della prima ondata. Non si potrà uscire di casa se non per recarsi al lavoro o seri problemi di salute; i negozi resteranno chiusi così come palestre e piscine, bar e ristoranti potranno esercitare solo d’asporto. La decisione presa dal Governo potrebbe avere effetti devastanti sul sistema produttivo lombardo. La decisione presa a Roma è in netto contrasto con l’atteggiamento assunto in Regione; Si temono risvolti negativi difficilmente guidabili. Per la montagna è stato inoltre indicato nel 15 febbraio il giorno del probabile via libera alla stagione. Le scuole rimangono, ovviamente chiuse . Un coro di proteste sì è levato con la richiesta al Governatore Fontana di operare per fare in modo che la decisione assunta dal Governo Centrale venga modificata e si permetta alla struttura produttiva di riprendere il suo cammino. La decisione è statà come un fulmine a ciel sereno che a volte annuncia l’arrivo di un forte temporale.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Torna a Leffe la Fiera di San Michele

Un ritorno atteso e festante, per un appuntamento tradizionale che coinvolge l’intera comunità. In occasione dei festeggiamenti liturgici per il patrono, torna domenica 26 settembre