grotte delle meraviglie 38966 display

Da Villa Belotti alle Grotte delle Meraviglie Un tour tra i tesori locali

La casa museo Bortolo Belotti e le Grotte delle meraviglie di Zogno si promuovono insieme. Il Comune di Zogno ha organizzato per il prossimo periodo estivo visite guidate alla scoperta dei tesori del territorio nell’ambito del progetto «Zogno a occhi aperti». Sono tre gli appuntamenti in programma: domenica 17 giugno, 15 luglio, 9 settembre. «Si tratta di un vero e proprio tour che si presenta come occasione per vivere il territorio – ha commentato l’assessore delegato al Turismo del Comune di Zogno Giampaolo Pesenti –. Una domenica da trascorrere tutti in famiglia, lontani dalla frenesia degli impegni quotidiani e lasciando spazio alla scoperta dei tesori locali», ha poi aggiunto.

La casa museo oggi riqualificata e inaugurata nel 2017 racchiude buona parte dei momenti di vita di una delle figure più importanti e celebri della storia locale e bergamasca del secolo scorso: Bortolo Belotti. Dall’altra parte, invece, le Grotte delle meraviglie, le prime grotte turistiche d’Italia scoperte nel 1932 da Ermenegildo Zanchi, oggi visitabili grazie al supporto del Gruppo Speleologico omonimo. Per la visita al gioiello carsico anticipata da un breve sentieri di montagna in salita è raccomandato un abbigliamento sportivo con scarpe antiscivolo. La temperatura interna alle grotte è di circa 12°. La partecipazione alle escursioni è gratuita, ma i posti sono limitati.

Per ulteriori informazioni e per le prenotazioni è possibile contattare via email: elena@emozioniorobie.it ; sms o WhatsApp: 348.5423481.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”