Evaristo Baschenis Boy with a Basket of Bread WGA1404

Musica e arte d’altri tempi nelle terre dei Baschenis

Concerti e passeggiate culturali. A partire dal prossimo 7 luglio nelle valli Averara e Stabina torna la rassegna Le terre dei Baschenis, iniziativa promossa dai comuni delle due valli e Altobrembo, con il patrocinio di Provincia di Bergamo e Comunità Montana.  Durante i mesi estivi saranno promosse una serie di passeggiate culturali a cura del gruppo di animatori locali con lo scopo di valorizzare e promuovere i beni artistici delle terre natie della generazione di artisti frescanti della famiglia Baschenis, operanti dalla metà del ‘400 fino agli inizi del ‘600.

Le date delle cinque passeggiate culturali in programma sono: sabato 7 luglio, sabato 14 luglio, sabato 21 luglio, sabato 28 luglio, domenica 29 luglio, domenica 5. È previsto un costo di 3 euro a partecipante, mentre per i bambini fino ai 14 anni la partecipazione è gratuita. Si terranno rispettivamente nei comuni di: Santa Brigida, Cusio, Ornica, Averara, Cassiglio, Valtorta. Le visite porteranno alla scoperta delle opere d’arte, degli edifici e dei luoghi più conosciuti, di angoli nascosti e di sorprendenti curiosità in grado di offrire uno spaccato di cultura e tradizioni locali.

Ad arricchire le visite saranno i tre concerti del 7, 14 e 28 luglio, con brani che si accordano perfettamente con gli ambienti, la storia, le atmosfere, i vissuti che questi luoghi continuano a portare a noi da tempi lontani. I concerti saranno a cura degli allievi dell’istituto «Folcioni» di Crema sono a ingresso gratuito. Per ulteriori informazioni è possibile contattare i numeri di cellulare: 348.1842781; 333.4760877.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare