Coronavirus, fase 2. Come ripartirà l’Italia?

Distanze di sicurezza, dispositivi di protezione obbligatori, turni sul lavoro e turni per entrare nei negozi. La “fase 2” dell’emergenza coronavirus – che potrà cominciare dal 4 maggio – porterà dei cambiamenti radicali a partire dalle abitudini quotidiane di ciascun cittadino. L’operazione verrà gestita in due fasi: da settimana prossima riapriranno le prime aziende, mentre dal 4 maggio sarà il turno di cittadini e negozi. Gli scienziati dicono no per la riapertura delle scuole.

Sarà una ripresa lenta e graduale. “La tutela della salute resta al primo posto – ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – però i motori del Paese non possono restare spenti troppo a lungo“. Nei prossimi giorni è atteso un discorso di Conte ai cittadini, in cui è lecito aspettarsi che verrà annunciato il nuovo decreto con l’ulteriore proroga dei divieti di spostamento. Bisognerà privilegiare lo smart working e l’affluenza negli uffici dovrà rimanere minima.

Al contempo, il Ministro della Salute Roberto Speranza è al lavoro per “rafforzare la rete sanitaria per l’assistenza territoriale ai malati e la cura domiciliare“. Nella “fase 2” bisognerà avere luoghi sicuri dove poter curare i nuovi malati, in modo da poter escludere il rischio di un’altra epidemia.

Francesco Moretti

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La leggenda della Sarneghera

La leggenda della Sarneghera narra la storia di una giovane fanciulla di Monte Isola, promessa sposa di un nobile della Franciacorta. La ragazza, però, non