Coprifuoco, ristoranti, palestre: ecco cosa cambia

Da ieri in Lombardia si sono allentate le regole anti contagio: il coprifuoco è slittato alle 23 permettendo ai lombardi di restare fuori casa un’ora in più anche per motivi non strettamente legati alla salute e al lavoro. La decisione è stata presa dal Consiglio dei Ministri che ha approvato il decreto legge con le nuove misure, valide anche per le altre regioni d’Italia. La percentuale di occupazione dei posti letto di pazienti Covid in terapia intensiva è finalmente sotto la soglia di rischio fissata al 30%.  Dal 7 giugno l’obbligo di restare a casa sarà fissato dalle 24 alle 5, mentre dal 21 giugno tale misura sarà abolita in tutte le zone gialle.

Tra le altre decisioni prese c’è quella di tornare a cenere e pranzare all’interno di ristoranti e bar dal primo di giugno fino a orario di chiusura. Dal 22 maggio i negozi dentro ai centri commerciali potranno riaprire al pubblico anche durante i giorni festivi e prefestivi. Due giorni dopo, il 24 maggio, riapriranno le palestre con una settimana di anticipo rispetto a quanto inizialmente stabilito. E ancora: dal primo luglio riaprono anche le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli