scientifica omicidio disco volante

Confermata la condanna per l’omicidio al Disco Volante di Brescia

Confermata la condanna, senza sconto di pena, a 10 anni per Anthony Aiello, responsabile dell’omicidio di Yasy Bonilla, 22enne ucciso fuori dal locale Disco Volante a Brescia, lo scorso due aprile 2017. 

 

8 anni anche per Mina Henin, 23enne di origini egiziane complice dell’assassino, accusato di aver passato ad Anthony il coltello usato per l’omicidio. La vicenda si era svolta all’alba di una mattina di domenica nella discoteca di via Corsica. Il litigio e l’accoltellamento: Anthony, dopo aver accoltellato il coetaneo colombiano, aveva fatto perder le tracce di sè, occultando l’arma del delitto e tornando a casa, dove era stato raggiunto dagli agenti della polizia. La testimonianza della fidanzata della vittima era stata vitale per identificare il responsabile. Le indagini avevano in seguito chiarito le dinamiche della discussione, nata da uno spinello negato, chiesto da Aiello alla vittima, la quale aveva reagito in modo brusco colpendo l’omicida con un pugno: a quel punto Aiello era tornato per farsi nuovamente sotto, armato di un coltello, con cui aveva colpito e ucciso il 23enne. 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli