CC Orzinuovi pusher.jpg

Preso in flagranza insospettabile puscher 18enne

La Compagnia Carabinieri di Verolanuova ha arrestato ad Orzinuovi nella flagranza del reato di detenzione di stupefacenti un italiano, diciottenne, incensurato, nullafacente, insospettabile, pusher di hashish per i giovani.

Nell’ambito di una campagna volta all’eliminazione sul territorio dei punti di riferimento per gli assuntori di stupefacente la Compagnia di Verolanuova ha concentrato la sua attenzione questa volta su Orzinuovi Piazza Vittorio Emanuele II, punto di raduno la sera per la movida giovanile. Dalle informazioni assunte era emerso che durante le serate per i giovani era facile reperire, nella cornice di Piazza Vittorio Emanuele II, anche hashish a buon mercato. La locale Stazione Carabinieri, pertanto, ha immediatamente iniziato una serie di servizi che hanno consentito di individuare nel giovane italiano il pusher, che ben vestito e perfettamente mimetizzato nella movida si occupava di rifornire la piazza di stupefacente. Il giovane non appena si è visto circondato dai militari, nella speranza di convincere che il suo unico peccato era quello di possedere una canna e di essere li per divertirsi insieme agli altri giovani, ha riferito che i reali pusher erano altri ed era palese che invece lui italiano ben vestito con disponibilità di denaro era lì solo per l’aperitivo con l’unico peccato di avere una canna con sé. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire, occultati negli slip, 90 grammi di hashish utile per la confezione di circa 180 spinelli, ovvero il quantitativo pronto per lo spaccio della serata. L’arresto è stato convalidato dal Gip di Brescia ed il giovane grazie all’assenza di precedenti è stato rilasciato in attesa del processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”