Cerca
Close this search box.
Cinese, arabo e wolof: alla primaria di Gandino lezioni in lingua madre con i genitori stranieri

Cinese, arabo e wolof: alla primaria di Gandino lezioni in lingua madre con i genitori stranieri

Dal 1999, il 21 febbraio di ogni anno si celebra nel mondo la Giornata Internazionale della Lingua Madre, istituita dall’Unesco. L’Istituto Comprensivo di Gandino ha sottolineato l’importanza del significato di questa ricorrenza con un’attività didattica che giovedì 16 febbraio ha coinvolto gli alunni della Scuola Primaria, unitamente a diversi genitori di origine straniera e ai rappresentanti della Consulta Multiculturale ufficializzata dal Comune lo scorso dicembre, a seguito di specifiche elezioni indette per rinnovare la precedente Consulta degli Stranieri, istituita sin dal 2004.
All’insegna dello slogan “Tutte e lingue sono ponti” le diverse classi hanno approfondito i concetti base in lingua wolof (lavorando ad una filastrocca), cinese (lettura e traduzione di una poesia), albanese (poesia e scrittura alla lavagna con lavoro su testo originale), arabo-marocchino (struttura e scrittura di una frase) e ucraino (lettura e traduzione di una poesia sulla pace, con creazione di un segnalibro a tema).
“Le lingue madri – sottolinea la docente Laura Pezzotta che ha seguito il lavoro e che è anche assessora comunale –  sono ponti di conoscenza, comprensione e dialogo tra culture. Permettono di esplorare spazi sociali, idee, visioni del mondo, storie, usi e tradizioni diversi dalle proprie. Se nel lavoro quotidiano in classe riconosciamo e valorizziamo le lingue madri, vengono di conseguenza stimolati la curiosità, l’interesse, il desiderio di esplorarle e conoscerle, aiutando così gli studenti ad aprire la mente, a essere sensibili e accoglienti verso la diversità culturale, a farsi ponte verso gli altri”. La nuova Consulta Multiculturale istituita a Gandino punta sulla “valorizzazione dell’interscambio culturale, sicuro fondamento per una società sana, curiosa, attenta al cambiamento, consapevolmente inserita in un mondo che non consente di chiudersi tra i confini limitanti di una visione univoca”. Ne fanno parte Ndong Wally (Senegal, presidente), Roshkulets Yana (Ucraina, vicepresidente) Fattouh Tamer M.M.A. (Egitto), Lamhanchi Abdessamad (Marocco, incaricato dei rapporti con il territorio), Mbow Fatou Charlotte (Senegal) e Zhng Yu (Cina).Tuin Malhas (Turchia) esercita le funzioni di segretario e supportano l’attività anche Jean Marie Mendy (Senegal) e Marcel Bampoki (Senegal).

Condividi:

Ultimi Articoli

Profumi di Collina

Domenica 26 maggio la Collina del lago sarà teatro della manifestazione «Profumi di Collina – A spasso con Solferino» promossa dalla Pro Loco. La manifestazione