Cerca
Close this search box.
Canto, celebrazioni e sport, a Moio de’ Calvi e sull’Avaro il ricordo di Nikolajewka

Canto, celebrazioni e sport, a Moio de’ Calvi e sull’Avaro il ricordo di Nikolajewka

Una serie di iniziative per ricordare l’anniversario di una tragica, gloriosa battaglia, nel segno della solidarietà alpina e dello sport. Prendono il via sabato 4 febbraio le celebrazioni organizzate dai Gruppi Alpini dell’Alta Valle Brembana (zone ANA 7 e 8) per ricordare l’ottantesimo della Battaglia di Nikolajewka, nel solco di una tradizione che dal 1969 vedi unite tutte le Penne Nere locali nel ricordo di caduti e dispersi della Ritirata di Russia.
Fulcro delle iniziative sarà Moio de’ Calvi, dove il locale Gruppo Alpini festeggia i settant’anni dalla fondazione, avvenuta nel 1953. A Moio, nella chiesa parrocchiale di San Mattia, sabato 4 febbraio alle 20.30 si terrà l’elevazione musicale del Coro ANA Penne Nere di Almè. La formazione, diretta dal maestro Donato Talia, è attiva dal 1969. Proporrà brani cari alla tradizione alpina, uniti ad alcune esecuzioni legate all’odissea dell’ARMIR.
La battaglia di Nikolajewka fu un evento drammatico, al culmine della marcia (15 giorni e 200 chilometri) del Corpo d’Armata Alpino verso la salvezza, durante la ritirata di Russia. Il mattino del 26 gennaio 1943 gli alpini della Tridentina, alla testa di una colonna di 40.000 uomini quasi tutti disarmati e in parte congelati, giunsero davanti a Nikolajewka. Dopo una giornata di lotta, espugnarono il paese, dando esempio di coraggio e spirito di sacrificio. La data del 26 gennaio di ogni anno è divenuta per legge, dal 2023 “Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini”
Sempre a Moio de’ Calvi si svolgerà il Raduno Alpino di sabato 11 febbraio, con ritrovo in località Costa alle ore 14. Da qui muoverà il corteo, accompagnato dalla Fanfara Alpina di Sorisole, verso il Monumento ai Caduti, a pochi passi dalla chiesa. Dopo l’Alzabandiera ci saranno la deposizione di una corona d’alloro ed i discorsi commemorativi. Il Gruppo Alpini di Moio de’ Calvi nacque il giorno di Pasquetta del 1953, in occasione dell’apposizione della stele dedicata ai caduti della Seconda Guerra Mondiale sul preesistente monumento di Piazza IV Novembre. Principale ispiratore fu Felice Paganoni, reduce di Russia, rimasto a capo del Gruppo (salvo brevi periodi in cui furono capigruppo Emilio Calvi ed Enzo Balestra) sino al 1993. Da allora, esattamente da trent’anni, a guidare gli Alpini di Moio è Eugenio Gherardi. In tanti anni di attività sono innumerevoli le occasioni nelle quali le Penne Nere moiesi hanno dato il proprio contributo per iniziative strutturali, ricreative e di solidarietà.
Il “Raduno Alpino Nikolajewka” torna a Moio d’ Calvi per la terza volta, dopo le memorabili edizioni del 1985 e del 1995. Oltre agli alfieri e ai componenti di tutti i gruppi dell’Alta Valle Brembana, sono attese rappresentanze anche da altre zone della provincia. Oltre all’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Alessandro Balestra, hanno assicurato la propria presenza fra gli altri il presidente della sezione di Bergamo Giorgio Sonzogni ed il generale di divisione Alberto Vezzoli, comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito con sede a Viterbo, originario di Valnegra. Il pomeriggio prevede anche la S. Messa alle 15.30 nella chiesa parrocchiale, celebrata dal parroco don Andrea Mazzoleni, ed un rinfresco offerto dal Gruppo Alpini di Moio. A coronare le iniziative, domenica 12 febbraio, verrà disputata sui Piani dell’Avaro, in comune di Cusio, una nuova edizione del Trofeo Nikolajewka. Fu su iniziativa di Armando Colombi, appartenente al Gruppo Alpini di Piazza Brembana, che nel 1968 (con il coinvolgimento dei capigruppo dell’Alta Valle) venne a costituirsi l’apposito Comitato, tuttora attivo. Al raduno di Penne Nere, venne abbinata una gara di sci di fondo riservata esclusivamente a soci Alpini. Il 23 febbraio 1969 fu organizzata a Mezzoldo la prima edizione. Quest’anno verranno proposte una gara non competitiva di sci nordico a tecnica classica (inizio ore 9.30) e una gara non competitiva di ciaspole trofeo ANA Bergamo (partenza ore 10.30). Sono previsti 5 chilometri di gara per entrambi i percorsi, con partecipazione libera a tutti (età minima 14 anni) e possibilità in loco di noleggio ciaspole. Per info e iscrizioni sono disponibili l’indirizzo mail trofeo.nikolajewka.bg@gmail.com, i numeri 347.9350922 e 339.2047229, oppure la pagina Facebook “Trofeo Nikolajewka dal 1969 BG”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione