auto

Cadavere carbonizzato, ipotesi omicidio L’uomo di Val Brembilla è «irreperibile»


Si fa strada l’ipotesi dell’omicidio, anche se al momento non ci sono conferme ufficiali, dopo il ritrovamento del cadavere carbonizzato di un uomo in un’auto andata a fuoco in una strada di campagna tra Pognano e Arcene, in provincia di Bergamo.  Servirà l’esame del dna per appurare di chi è il cadavere trovato carbonizzato lunedì mattina in un’auto incendiata nelle campagne della Bassa Bergamasca.

L’esame chiarirà se il corpo appartiene all’intestatario dell’auto, un uomo di 42 anni, di Val Brembilla, comune montano che dista 32 chilometri da Pognano, il luogo del rogo. Il quarantaduenne risulta irreperibile, dunque potrebbe trattarsi di lui. Ma non è detto, per questo gli inquirenti sono cauti. Il pm Raffaella Latorraca ha effettuato un sopralluogo di circa un’ora con i carabinieri. “Tutte le ipotesi restano aperte”, si è limitato a dichiarare il magistrato prima di allontanarsi.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare