Cerca
Close this search box.
arresto

Breno: resta ai domiciliari il 55enne che ha sparato contro i quattro ragazzi

L’uomo di 55 anni che lo scorso sabato pomeriggio, a Degna di Breno, a colpi di fucile ha messo in serio pericolo la vita di quattro giovani amici nel weekend di Pasqua, è stato posto ai domiciliari e vi resterà anche se l’accusa nei suoi confronti è stata ridimensionata: il GIP di Brescia, Riccardo Moreschi, infatti, ha ritenuto che non vi siano gli estremi per contestargli il tentato omicidio plurimo, ma che i gravi indizi di colpevolezza sussistano. I danneggiamenti, la violazione di domicilio e le minacce sono state perpetrate. Il giudice delle indagini preliminari ha tuttavia ritenuto che i quattro colpi di fucile esplosi contro le porte della cascina all’interno della quale erano asserragliati i quattro ragazzi, non siano stati esplosi per provocare la morte dei giovani hanno danneggiato le porte, ma anche il televisore e la Playstation che i ragazzi si erano portati da casa per il weekend. Valutazioni che non condivide il sostituto procuratore, Antonio Bassolino, pubblico ministero titolare dell’inchiesta, che ritiene che la quantità dei colpi e la loro direzione dicano altro e parlano di un tentato omicidio plurimo e aggravato da futili motivi. Sarà il processo a stabilire la verità giudiziaria.

 

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione