Camion bruciato.jpg

Bilico di cippato dato alle fiamme

Nella notte fra sabato 2 e domenica 3 marzo un incendio ha distrutto un bilico Scania parcheggiato in piazza Mercato nuovo a Nozza di Vestone: accanto era parcheggiato anche un autobus di linea che per poco non è stato coinvolto nel rogo.

L’incendio è stato notato intorno alle 4 di notte da un uomo che abita in zona: immediato l’allarme al 112 che ha inviato sul posto i Vigili del fuoco di Vestone con i colleghi di Salò. Per prima cosa hanno provveduto a proteggere il pullmann dalle fiamme fino a che l’autista del mezzo pubblico, avvertito dai Vigili, si è precipitato sul posto per togliere l’autobus dal pericolo. Il bilico carico di cippato, appartentente ad una ditta di Condino, era invece avvolto dalle fiamme. Per spegnere il rogo i Vigili del fuoco hanno dovuto tagliare le pareti del cassone d’alluminio per estrarre il materiale legnoso in fiamme. Sembrava che la causa dell’incendio potesse essere l’autocombustione dovuta alla fermentazione del carico, rappresentato da cippato resinoso che a causa del calore avrebbero finito col prendere fuoco. Ma alcune imamgini delle telecamere a circuito chiuso della zona hanno immortalato un’auto entrare nel parcheggio e poi andarsene, pochi istanti prima che si levassero alte lefiamme. Ora sul fatto indagano i carabinieri di Vestone, che stanno raccogliendo ulteriori elementi. Fra questi, certamente, anche le immagini registrate dai portali gestiti dal Comune agli ingressi del paese, che per altro sono stati recentemente potenziati. Lo spegnimento delle fiamme e la bonifica hannop richiesto parecchie ore.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”